Quantcast
Anche un cocktail

Festival dello Spazio di Busalla, il programma di sabato: si parla di acqua nel cosmo

Domani previsto un ospite a sorpresa molto importante

Generico giugno 2021

Busalla. Prosegue il Festival dello Spazio di Bussalla con la seconda giornata ufficiale di sabato 10 luglio dedicata al tema scientifico, l’acqua nel cosmo.

«L’acqua – spiega l’astronauta Franco Malerba, padrone di casa del Festival – è un prerequisito della vita e la sua ricerca sulla Luna e su Marte, attualmente in corso d’opera con i rover, mira fra l’altro a scegliere le zone di elezione per futuri insediamenti. La ricerca di questo prezioso elemento nello spazio ci mette anche a confronto, per contrapposizione, con la straordinaria, e per certi versi misteriosa, abbondanza d’acqua sulla Terra, fondamento della nostra biosfera; il suo equilibrio è in diversi modi in pericolo. Seducente il titolo della conferenza che ci offrirà Amalia Ercoli Finzi, “alla ricerca dell’acqua perduta”, che ci accompagnerà attraverso le più ingegnose tecniche per produrre acqua sulla Luna».

Tra i numerosi appuntamenti in programma è previsto, alle ore 11, un collegamento con Altec – il centro di eccellenza, con base a Torino, che fornisce servizi ingegneristici e logistici a supporto della Stazione Spaziale Internazionale, di altre infrastrutture orbitanti e delle missioni per l’esplorazione spaziale – per conoscere le attrezzature impiegate nella simulazione del suolo marziano e nei test condotti sul rover europeo Exomars le cui operazioni al suolo, una volta giunto a destinazione nel 2022, saranno dirette proprio da Altec.

Alle 15,30 una delle conferenze più attese, quella che segna appunto il ritorno di Amalia Ercoli Finzi, tra i massimi esponenti internazionali nel campo dell’ingegneria aerospaziale, docente presso il Politecnico di Milano e consulente scientifica di Nasa, Asi ed Esa, nonché principal investigator responsabile della “trivella” sulla sonda spaziale Rosetta, sempre capace di stupire con la sua sapienza e la sua verve.

Altra straordinaria relazione sarà quella tenuta, alle 17,15, dal fisico Roberto Battiston, già presidente dell’Agenzia Spaziale Italiana, che ci accompagnerà nell’affascinante racconto dell’esplorazione spaziale attraverso il cinema, con film che, negli anni, hanno raccontato vicende sempre più realistiche e difficilmente distinguibili da quelle reali.

Anche al sabato è previsto un evento speciale durante la pausa di mezzogiorno: il cocktail Rosa Andromeda realizzato dal sommelier e bartender Nicola Mancinone, a base di vino spumante Gavi Docg e sciroppo di rose della Valle Scrivia il cui vessillo, nel 2017, fu portato da Paolo Nespoli a bordo della Stazione Spaziale Internazionale: verrà riproposto il video-clip girato dall’astronauta all’interno della cupola, che mostra la rosa galleggiare in assenza di peso ed è stato di ispirazione allo stesso Mancinone per la realizzazione del cocktail. Saranno presenti all’evento Maurizio Montobbio, presidente del Consorzio Tutela del Gavi, Paola Abbondanza dell’azienda agricola Camporotondo, produttrice dello sciroppo di rose e Iudica Dameri, presidente dell’Associazione Libarna Arteventi.

Infine, alle 22, le osservazioni astronomiche del cielo d’estate al campo sportivo Inagea, curate dall’Osservatorio astronomico del Righi di Genova.

Il programma della giornata

Sabato 10 luglio

L’esplorazione e lo studio del sistema solare ci ha permesso di scoprire l’incredibile combinazione di circostanze che hanno permesso alla vita di svilupparsi sulla Terra attraverso una storia di circa 4 miliardi di anni. Il nostro ecosistema sarebbe il risultato di una serie vertiginosa di eventi catastrofici che avrebbero potuto distruggere la vita ma che alla fine le sarebbero stati utili.
Lo studio di ambienti extraterrestri che ospitano materia organica di origine cosmica possono darci evidenza di percorsi evolutivi in qualche tratto simili alla storia della vita sulla Terra. La presenza di acqua liquida non è di per sé sinonimo di vita nel cosmo, ma senza l’acqua, l’evoluzione della materia organica sembra impossibile.

Ore 9:00
L’acqua e la vita: la straordinaria storia del pianeta Terra
Alessandro Morbidelli, Osservatorio della Costa Azzurra.

Ore 10:00
C’è acqua su Marte: sonde rabdomanti alla ricerca dell’acqua nel sistema solare, da Viking a Perseverance passando per MARSIS
Un dialogo tra due planetologi: Enrico Flamini (Università Chieti-Pescara) e Marcello Coradini, Accademico IAA

Ore 11:00
Il mondo Altec per l’esplorazione di Marte
Visita guidata in teleconferenza “sul terreno marziano” di ALTEC.
Fabio Massimo Grimaldi e Armando Ciampolini.

Ore 11:45
Giove 2030: radar alla ricerca di acqua sulle lune ghiacciate Ganimede, Europa e Callisto
Lorenzo Bruzzone, Università di Trento.

A seguire
Lancio promozionale del nuovo cocktail Rosa Andromeda
a base di vino Gavi spumante DOCG e Sciroppo di Rosa Antica della Valle Scrivia
progettato dal bartender Nicola Mancinone.
alla presenza di Maurizio Montobbio, presidente del Consorzio per la Tutela del Gavi
e di Paola Abbondanza, dell’Azienda Agricola Camporotondo e di Iudica Dameri, Presidente
dell’Associazione Libarna Arteventi.

A seguire
Lunch
Con Farinata calda dal Forno Guggiari
Insalata di ravioli genovesi e verdure di stagione della Maison Barattino di Busalla
Vino Gavi DOCG.

Ore 14:00
La rischiosa caccia agli asteroidi: HERA, OSIRIS-REx, Hayabusa2
Patrick Michel, Osservatorio della Costa Azzurra.

LICIACube, la fotografa italiana di asteroidi al seguito di DART
Simone Pirrotta, ASI.

Ore 15:30 key note speech
Alla ricerca dell’acqua perduta.
L’esperienza vissuta con la missione Rosetta.
Amalia Ercoli Finzi, Politecnico di Milano.

Ore 16:30
All’inseguimento di una cometa
Il lungo viaggio della missione Rosetta.
Paolo Ferri, già direttore operazioni delle missioni robotiche dell’ESA e direttore di volo di Rosetta.

Ore 17:15 key note speech
Le stelle del cinema
Lo spazio nel cinema, da 2001 Odissea nello spazio ad Apollo 13 fino a Interstellar.
Roberto Battiston, Università di Trento.

Ore 22:00
Il Cielo d’estate
Osservazioni astronomiche dal campo sportivo Inagea.
A cura di Osservatorio Astronomico del Righi di Genova.