Quantcast
La replica

Istituto italiano di tecnologia, l’Usb: “L’anomalia è nell’assenza di un contratto di riferimento”

La replica ai confederali: "Precariato e discrezionalità ben più gravi della retorica istituzionale descritta dalla Cgil"

iit

Genova. Il sindacato Usb replica in una nota alla Flc Cgil in merito all’Istituto italiano di tecnologia.

“Da un breve articolo apparso su Genova24, apprendiamo che i confederali scoprono la anomalia rappresentata dall’Istituto Italiano di Tecnologia – dice Usb – Secondo i confederali, l’arretratezza della Fondazione genovese sta nel fatto di non voler interloquire con l’istituzione sindacato. In questa visione dei rapporti, i lavoratori sembrano utili solo per fare da ponte a incontri tra vertici istituzionali”.

“La visione di USB, che è presente in IIT ed ha partecipato attivamente a tutto il percorso che condurrà all’elezione di una nuova rappresentanza dei lavoratori, è radicalmente differente” dice il sindacato di base.

“Per noi, l’arretratezza dell’IIT da sanare sta nella assenza di un contratto di riferimento applicato ai lavoratori, per cui il personale scientifico è in larga maggioranza precario, mentre il personale amministrativo e tecnico è assunto con contratto individuale che varia per ogni singolo lavoratore, in cui mansioni e retribuzione sono fissati a discrezione e interesse dell’IIT, che per altro è una Fondazione privata, ma a finanziamento quasi interamente pubblico”.

“Da questo stato di cose – che si protrae dall’inaugurazione dell’Istituto – è nata la mobilitazione dei lavoratori che USB sta sostenendo. Auspichiamo che anche i confederali condividano le criticità che noi rileviamo, al netto della retorica istituzionale contenuta nella nota che hanno rivolto all’IIT”.

leggi anche
Robot iit
La nota
La Cgil attacca l’Iit: “Scientificamente all’avanguardia ma sindacalmente arretrato”