Euro 2020, Roberto Mancini: "Un pezzo di questa coppa è dedicato a Paolo Mantovani e ai sampdoriani" - Genova 24
Sport

Euro 2020, Roberto Mancini: “Un pezzo di questa coppa è dedicato a Paolo Mantovani e ai sampdoriani”

A ventinove anni dal maggio 1992, un'altra finale nello stadio inglese per eccellenza ma questa volta con un esito diverso

gianluca vialli, roberto mancini

La possibilità di salire sul tetto d’Europa, la finalissima in programma a Wembley, Mancini e Vialli in panchina insieme a tanti altri protagonisti della grande Samp scudettata.

Gli ingredienti per la più classica e più bella delle favole c’erano tutti e forse anche per questo in pochi all’inizio credevano che l’Italia potesse sollevare il trofeo. “Sarebbe troppo bello”, molti avranno pensato. Dopo avervi perso la finale di Coppa dei Campioni contro il Barcellona con i colori blucerchiati, Mancini e Vialli si sono ripresi Wembley, facendo sventolare per l’ennesima volta nelle piazze quelle bandiere che poco più di un anno fa erano appese ai balconi e facendo cantare gli italiani, come sempre dai balconi avevano fatto per rendere più leggere le giornate del lockdown.

Niente ha il potere di insegnare e dettare la strada meglio di un esempio concreto. I gemelli del goal blucerchiati erano chiamati a scrivere un’altra pagina di storia sui generisA conquistare, insomma, un qualcosa di eccezionale e di sopra le righe, definizioni che non si addicono di certo a una Champions per il Real o a uno scudetto della Juventus. Lo hanno fatto tenendo nella mente e nel cuore proprio il vissuto in blucerchiato, nel corso del quale hanno appreso e dimostrato che l’imponderabile può diventare possibile quando  c’è di mezzo un pallone da calcio, perfettamente e prevedibilmente sferico ma irrazionale in traiettorie e rimbalzi.

Non c’era da dubitare di questo e ieri sera il commissario tecnico ha tolto ogni dubbio, qualora ne permanesse ancora qualcuno. “Un pezzo di questo trofeo – ha affermato Bobby Goal in conferenza stampa – lo voglio dedicare a Paolo Mantovani, che era qua con me trent’anni fa quando purtroppo la perdemmo, in finale contro il Barcellona, e anche ai sampdoriani”.

 

Più informazioni