E' morta Raffaella Carrà: mondo dello spettacolo in lutto - Genova 24
Addio

E’ morta Raffaella Carrà: mondo dello spettacolo in lutto

Nelle sue ultime disposizioni, Raffaella ha chiesto una semplice bara di legno grezzo e un'urna per contenere le sue ceneri

raffaella carrà

Genova. Raffaella Carrà, uno dei volti più noti del mondo dello spettacolo italiano, e non solo, si è spenta nella giornata di oggi all’età di 78 anni. A dare l’annuncio Sergio Japino, regista e produttore televisivo, compagni di avventure della showgirl per eccellenza.

“Raffaella ci ha lasciati. E’ andata in un mondo migliore, dove la sua umanità, la sua inconfondibile risata e il suo straordinario talento risplenderanno per sempre“. Queste le sue parole che hanno dato l’annuncio al mondo.

L’ artista si è spenta alle 16.20 di oggi pomeriggio, dopo una lunga malattia che da tempo stava combattendo con la stessa forza che ha caratterizzato ogni istante della sua vita professionale e non solo. Le esequie saranno definite a breve. Nelle sue ultime disposizioni, Raffaella ha chiesto una semplice bara di legno grezzo e un’urna per contenere le sue ceneri.

Nel 2006 aveva ricevuto il premio “Inquieto dell’anno” da parte del Circolo degli Inquieti di Savona, con questa motivazione che riportiamo nelle sue parti più salienti: “L’attestazione che Le conferiamo intende riconoscere in modo particolare le qualità della persona, il Suo modo di essere donna, la Sua vita interiore: sicuramente tormentata, conflittuale, complessa ma capace di fare emergere doti artistiche innate, di coltivarle con continuità in un vitale percorso intellettuale ed emotivo. La Raffa ha cantato e portato in scena i nostri sentimenti: l’amore, l’allegria, il rimorso, l’amicizia, l’altro, gli altri, il rimpianto, il sesso, l’autonomia sessuale della donna; sentimenti semplici, comuni, forti, inquieti, talvolta trasgressivi. Li ha esternati con un erotismo naturale, non aggressivo, magico, che si conserva nel tempo. Nella società ingannevole, fallace, seduttiva, capziosa dello spettacolo che ci ha trasformato in inermi consumatori, Raffaella Carrà ci ha considerato spettatori, pubblico da intrattenere, persone da rispettare, proponendosi con la semplicità dell’amica, della confidente; non come Dea ma come Diva, non come modello ma come sprone al divertimento e alla riflessione”

Più informazioni