Quantcast
Il processo

Delitto di San Biagio, il consulente medico: “Alessio incapace di intendere e volere quando ha ucciso il padre”

I due fratelli Scalamandré rinviati a giudizio per l'omicidio del padre, ma per il medico legale Ciliberti Alessio soffriva di un "grave disturbo stress post traumatico con dissociazione peritraumatica"

Generica

Genova. Sono stati entrambi rinviati a giudizio per omicidio in concorso, aggravato dalla parentela, Alessio e Simone Scalamandré, i due fratelli accusati di aver ucciso il padre Pasquale la sera del 10 agosto dell’anno scorso, al termine di una lite.

Nell’udienza preliminare di stamattina si sono costituiti parte civile cinque parenti dell’ex autista dell’Amt attraverso i legali Stefano Bertone, Irene Rebora e Sara Oliveri.

Gli avvocati Luca Rinaldi e Nadia Calafato, invece, che difendono Alessio e Simone, hanno depositato delle indagini difensive svolte congiuntamente in cui alcuni amici di famiglia confermerebbero che Pasquale Scalamandré dopo che la madre dei ragazzi era stata allontanata per tutelare la sua incolumità, era diventato ossessivo con i ragazzi perché voleva che gli dicessero dove si trovava la donna.

L’avvocato di Alessio, che aveva fin da subito confessato il delitto escludendo invece un ruolo del fratello Simone, ha depositato una consulenza tecnica svolta dal medico legale Pietro Ciliberti, che sostiene che Alessio al momento dei fatti era affetto da un “grave disturbo stress post traumatico con dissociazione peritraumatica” ed era di fatto incapace di intendere e di volere.
Il ragazzo avrebbe vissuto “eventi specifici insostenibili con una distorsione/inversione dei ruoli (figlio che protegge la madre di indubbio potenziale psicopatogeno” scrive il medico.

Il base alla consulenza medico legale “tale infermità in un contesto ambientale violento e minaccioso ha determinato una costante dimensione di pericolo/vita tale da indurre l’aggressione terminale al padre”.

Il processo comincerà il prossimo 8 novembre.

leggi anche
Generica
Verso il processo
Delitto di San Biagio, Alessio e Simone Scalamandré accusati di omicidio aggravato: l’udienza fissata il 16 luglio
Generica
La lettera
Omicidio San Biagio, gli amici della Valpolcevera si stringono intorno ad Alessio: “Ti vogliamo bene”