Quantcast

Genova. “Qui oggi noi stiamo facendo la rivoluzione!”, lo urla al megafono uno dei capipopolo della protesta no green pass e no vax ancora una volta in piazza a Genova in questo sabato 31 luglio.

Ancora una volta una folla eterogenea e organizzata attraverso la rete e il passaparola si è data appuntamento a De Ferrari per urlare tutta la rabbia nei confronti del governo e di chi vuole imporre una “dittatura sanitaria”. E ancora una volta il presidio si trasforma in un corteo non autorizzato per le vie del centro.

Sono tante le persone che, prima di mettersi in cammino, salgono sulle scale di palazzo Ducale e si esprimono di fronte ad applausi e striscioni di ogni genere. Gli slogan sono contro Mattarella, Draghi, Speranza e le lobby farmaceutiche ma anche contro le multinazionali e le “poche famiglie che governano il mondo e che stanno lavorando per assoggettarci a un nuovo mondo”.

No green pass manifestazione 31 luglio

Gran parte dei presenti è senza mascherina – “Non serve a niente perché la pandemia non esiste”, dice qualcuno al megafono – ma c’è anche chi invita i presenti a essere comprensivi nei confronti di chi la indossa o di chi si è vaccinato: “Poverini, sono stati ingannati e sono stati obbligati”.

“Non si toccano i bambini”, “Sì alle cure domiciliari”, “Il vaccino fa ammalare le persone sane”, “Ci vogliono mostri, ci usano come cavie” e ancora “Ci stanno togliendo la libertà rendendo il green pass obbligatorio per ogni cosa”, “Sono nazisti”, “In parlamento non lo fanno il green pass…” e così via senza tralasciare cartelli dedicati al dottor De Donno e citazioni di stralci della Costituzione.

Poi tutto il fronte “comunicazione”. Secondo la piazza della protesta è in atto “una forte censura” e quindi gli organizzatori hanno invitato i presenti a “cambiare i numeri di telefono e a ritrovarsi su social come Telegram o Vpk” per evitare di essere rintracciati e “silenziati”. Anche questa volta contestazioni ai giornalisti presenti a documentare il corteo, accusati di essere venduti al potere.

No green pass manifestazione 31 luglio

Nel frattempo, a proposito di social, sono già in programma altre manifestazioni come quella di oggi e quelle – meno affollate – dei giorni scorsi. Il 2 agosto già fissato un presidio alle 17.30, sempre in piazza De Ferrari, per dire no ai vaccini agli adolescenti e all’eventuale obbligatorietà del green pass nelle scuole.

Venerdì 6 agosto al porto antico, alle 21.30, una fiaccolata voluta dagli operatori sanitari di Genova del Collettivo Salute Consapevole in collaborazione con il sindacato CUB sanità di Genova, “per ricordare il dottor Giuseppe De Donno recentemente scomparso e per promuovere una Sanità Etica e indipendente da logiche di economia e potere”.

Non solo. Da piazza De Ferrari la “promessa”: “Saremo qui ogni sabato” e chi ha proposto di “bloccare la città al lunedì mattina come i metalmeccanici” ha ricevuto gli applausi. Il corteo si è poi concluso in piazza della Raibetta.

Più informazioni
leggi anche
Generico luglio 2021
Il parere
Green pass e dpcm, la docente universitaria Lara Trucco: “Ecco cosa dice la Costituzione”
ItalExit contro green pass
Proteste
Mini corteo e raccolta firme contro il green pass, in piazza Italexit e domani si replica
verificaC19 - green pass
Dal 6 agosto
In arrivo tra una settimana l’obbligo di green pass: ecco dove servirà averlo, le risposte ai dubbi più frequenti
Generico luglio 2021
Reazione
No green pass, Toti: “Una vergogna, mancano di rispetto alle migliaia di morti per Covid”
No green pass manifestazione 31 luglio
Illegali
Manifestazione no green pass e no vax, denunce in arrivo: oggi nuovo presidio in piazza
l'alternativa c'è no green pass
Protesta
Anche il senatore Crucioli in piazza contro il green pass: “Grave imporre ai giovani di vaccinarsi”
Manifestazione no green pass 24 luglio
Pugno duro
“No green pass”, in arrivo altre 11 denunce per i cortei: scattano le multe per blocco stradale