Quantcast
Solidarietà

Coop Liguria, spesa sospesa permanente e 3500 pasti donati alle associazioni genovesi

Inoltre a Genova attraverso il progetto "Buon Fine" sono stati donati anche 217mila merci

Genova. “Siamo come la nazionale di calcio: coesi e uniti per un unico obiettivo. Più che mai, in questo caso, l’unione fa la forza” – esordisce così Roberto Pittalis, presidente di Coop Liguria,  nell’ambito della cerimonia di consegna dei buoni pasto alle associazioni del territorio, attive nel contrasto alla povertà.

Coop Liguria ha infatti stanziato per queste realtà – che gestiscono mense per i poveri e consegnano pacchi spesa a famiglie in difficoltà – una donazione complessiva di 45mila euro, corrispondenti a 9mila pasti. In particolare alle associazioni di Genova, Arenzano e Cogoleto sono stati donati 3500 pasti che corrispondono a 17.500 euro.

Ecco quelle selezionate: Croce Rossa di Arenzano, la Croce d’Oro di Sciarborasca, l’associazione San Vincenzo di Prà e Marassi, il social market Sporta Aperta, la rete Spesa sospesa della Gau, la mensa di vallata e l’associazione Il Punto della Valpolcevera, l’associazione La Salle, l’associazione Borgo Solidale, l’Arciconfraternita Morte e Orazione, la mensa Sole Luna, la rete del centro storico, Music for Peace, la Comunità di San Benedetto al Porto.

Fare rete e andare incontro alle associazioni – spiega Pittalis – è il nostro vero punto di forza che negli anni ci ha sempre contraddistinto, e in questo ultimo di pandemia, ancora di più. Infatti dallo scorso anno, visto l’incremento di richieste di aiuto registrato, abbiamo attivato la raccolta permanente della spesa sospesa. Dalla partenza del progetto, nell’ultima settimana di marzo a oggi, sono state raccolte più di 64 tonnellate di prodotti, di cui 18 solo a Genova“.