Caos autostrade, troppa coda verso Ponente: anche Toti sceglie di viaggiare in treno - Genova 24
Perfino lui

Caos autostrade, troppa coda verso Ponente: anche Toti sceglie di viaggiare in treno

Sulla A10 ci sono 7 chilometri di coda tra Varazze e Savona e altri 2 chilometri tra Spotorno e Feglino

Generico giugno 2021

Genova. Per un comune cittadino non sarebbe una notizia, ma per il presidente della Regione, abituato a viaggiare con l’auto di servizio per i propri spostamenti istituzionali, è certamente una novità: Giovanni Toti ha scelto di muoversi in treno per raggiungere il Ponente ligure dove lo attendono due giorni di impegni.

La situazione del traffico infatti è estremamente critica sull’autostrada A10, come lo era anche negli scorsi giorni: al momento ci sono ben 7 chilometri di coda tra Varazze e Savona e altri 2 chilometri tra Spotorno e Feglino a causa dei cantieri.

Oggi pomeriggio alle 16.00 il governatore Toti è ad Albenga per presentare, insieme al sindaco Riccardo Tomatis, la riqualificazione di rio Fasceo e Carendetta e relativa viabilità. A seguire, alle 18, presso la sede del Comune di Ventimiglia il governatore incontrerà i sindaci del territorio per un confronto sul futuro dell’ospedale Saint Charles di Bordighera. Domani alle 11.00 il presidente Toti parteciperà all’inaugurazione del porto di Ventimiglia presso Cala del Forte (Passeggiata Marconi 5).

Come conferma lo staff del governatore, la scelta è ricaduta sul treno proprio per evitare ritardi dovuti alle code che già da questa mattina interessano il nodo genovese e alcuni tratti sulle riviere. Toti ha comprato un normale biglietto di seconda classe per un treno regionale.

Più informazioni
leggi anche
coda autostrada a10
Domande
Caos autostrade, Tosi (M5s): “Che fine ha fatto il cronoprogramma dei lavori?”
Genova, protesta autotrasporti: bloccati varchi portuali
Ora basta
Autostrade bloccate da code e cantieri, e sulla A10 in camionisti scendono dai tir
toti autostrade code
Richiesta
Caos autostrade, Toti: “Intollerabili altri 90 giorni di code, ho chiesto di lavorare solo di notte”