Quantcast

Cambiare le luci dell’auto: tutto ciò che devi sapere

Nuova Opel Mokka, test drive nella sede di Autoquadrifoglio ad Albenga

La manutenzione della macchina è un aspetto fondamentale da non sottovalutare, ciò che adesso è un problemino si potrebbe trasformare in un problema più serio se non corretto prontamente.

Oggi vi vogliamo parlare delle luci della macchina, uno strumento che è bene avere sempre al top perché ne vale la sicurezza dei passeggeri, oltre ad incorrere a multe se non funzionano correttamente, stiamo parlando dei fanali della nostra auto.

Ne esistono di diversi tipi, come per esempio alogene, xeno e LED, e di diverse tonalità di bianco, dal bianco caldo al bianco più freddo e neutro. In molti si divertono a sostituire le luci di serie con luci più performanti o di un colore più “moderno”, rispettando sempre la normativa, non di certo possiamo mettere luci rosse!

Infine, vedremo come sostituire le luci dei fanali, il procedimento non è complicato e bene o male è molto simile tra i vari modelli e marche di automobili.

Video di sostituzione della lampadina tratto da auto-doc.it

Luci auto: quanti tipi ci sono?

Le lampadine delle nostre auto non sono tutte uguali, ne esistono di diversi tipi ed ognuna ha le proprie caratteristiche.

Sono 3 le tipologie di luci per auto più diffuse al mondo, ovvero alogene, xeno e LED, andiamo a scoprirle insieme.

Luci alogene

Sicuramente le luci dei fanali più diffuse nelle auto di tutte il mondo, sono state le prime ad essere prodotte ed il funzionamento è pressoché uguale ad una normale lampadina ad incandescenza che abbiamo nel lampadario di casa.

La luce che una lampada alogena produce è calda, tendente al giallastro, specialmente nei vecchi modelli di automobili. La durata è abbastanza buona, anche la resistenza non è male.

Un suggerimento che possiamo darvi è quello di sostituire sempre le luci a coppia, per il semplice fatto che la durata è simile e quindi se ne sostituiamo una dopo un po’ di tempo potremmo vedere una luce più potente dell’altra, creando un effetto antiestetico.

Luci allo xeno

Le luci allo xeno sono state inventate da Philips nel 1989, il principio è simile alle lampade alogene, con la differenza che all’interno delle lampadine non c’è il vuoto, come le normali lampade alogene, bensì un gas, lo xeno appunto, appartenente alla categoria chimica dei gas nobili, che rende il fascio luminoso molto più performante rispetto ad una lampada alogena.

Inoltre, il colore che lo xeno sprigiona, è un bianco molto acceso, tendente al bluastro/azzurrino, che allunga la durata della vita della luce di ben 4 volte rispetto al corrispettivo alogeno.

Anche qui sarebbe il caso di sostituire le luci contemporaneamente, anche se le lampade allo xeno sono decisamente più longeve e resistenti delle alogene.

Luci a LED

Infine, ci sono le luci a LED, che si vedono molto spesso al giorno d’oggi sulle auto più moderne.

Inizialmente non era così, la tecnologia LED infatti ancora non era del tutto sviluppata e non si riusciva ad adattare questo tipo di luci nelle automobili. Inizialmente veniva utilizzata come abbellimento, successivamente venne implementata nelle luci dello stop posteriore e, solo nel 2003, si riuscì ad installare la luce LED anche nei fanali delle macchine.

Con il LED si ebbe una vera e propria rivoluzione, anzitutto perché essendo luce fredda il LED è molto meno soggetto ad usura e dura molto più a lungo. Successivamente la tecnologia LED permette di implementare sistemi intelligenti di illuminazione, trattandosi di una tecnologia controllata da un chip e non meccanicamente.

Quando sostituire le luci dell’auto?

Secondo la normativa l’inclinazione verticale ed orizzontale del fascio luminoso dovrà essere di +/- 10° e +/- 20°, inoltre la visibilità non deve essere inferiore a 50 metri, infine il fascio luminoso si deve attestare intorno a 4000 Kelvin, una luce percepita bene dall’occhio umano.

Quando vengono a mancare uno o più di questi requisiti allora è bene sostituire le luci della macchina, se una luce invece è proprio fulminata manco a dirlo, è proprio il caso di sostutuirla!

Come sostituire le luci dell’auto

Secondo una nuova normativa risalente al 2006, tutti i costruttori di automobili sono obbligati a realizzare automobili che consentano i proprietari di cambiare agevolmente le luci della propria vettura senza doversi necessariamente rivolgere ad un meccanico, evitando così il costo della manodopera per una banale sostituzione.

Nella maggior parte delle vetture, quindi, non è neanche necessario smontare tutto il fanale o svitare nulla, i meccanismi sono ad incastro e molto semplici da smontare e rimontare.

Per altri modelli invece non è immediato e bisogna avere un po’ di praticità in questa Volkswagen Touran 1 è prima necessario smontare momentaneamente il filtro dell’aria e poi si può procedere alla sostituzione della lampadina