La Dichiarazione di Busalla aprirà domani il Festival dello Spazio - Genova 24
Anteprima

La Dichiarazione di Busalla aprirà domani il Festival dello Spazio

Alle ore 11 è in programma un workshop con Claudio Maccone, Patrizia Caraveo, Maria Elena De Maestri, Benedetta Valerio e Walter Riva

Busalla. Al via domani, giovedì 8 luglio a Villa Borzino, la quinta edizione del Festival dello Spazio di Busalla: si tratterà in realtà di una giornata di anteprima, a precedere l’inaugurazione ufficiale di venerdì, ma già importantissima per quanto avverrà fin dalla mattinata.

Alle ore 11 è infatti in programma un workshop con Claudio Maccone, Patrizia Caraveo, Maria Elena De Maestri, Benedetta Valerio e Walter Riva sul progetto di una moratoria per la salvaguardia dell’ambiente radio della Luna dall’invasione di segnali che sarà provocata dai prossimi insediamenti umani. Ne potrebbe nascere un documento da portare al vaglio della Commissione delle Nazioni unite per il pacifico uso dello spazio (Copuos).

«Credo che i partecipanti alla tavola rotonda partoriranno una  Dichiarazione di Busalla da sottoporre all’Onu per esprimere la preoccupazione di gran parte della comunità scientifica rispetto al rischio che una colonizzazione selvaggia della Luna possa inquinare il “cielo radio” del lato nascosto. Lo scopo è infatti quello di preservare una porzione dell’altra faccia della Luna, perfettamente schermata dalle interferenze radio terrestri, in modo che una futura stazione in quell’area protetta possa riconoscere segnali radio dal Cosmo anche debolissimi», annuncia Franco Malerba, primo astronauta italiano e “architetto” del Festival.

Dopo questa prima sessione, che potrebbe segnare un progresso importante per il “santuario radio lunare”, la prima giornata proseguirà con un pomeriggio all’insegna della letteratura spaziale, tra libri e fumetti. Alle ore 15 Massimo Morasso, scrittore ed organizzatore di eventi culturali, presenterà “Spacebook”, una rassegna dei più interessanti libri sull’argomento recentemente apparsi in libreria. Seguirà una conversazione con gli autori condotta dall’assessore alla cultura del Comune di Busalla e cofondatore del Festival, Fabrizio Fazzari, e dallo stesso Malerba.

Alle 17, a chiusura dei lavori, un cameo tutto speciale: la lectio magistralis di Ferruccio Giromini, docente collaboratore della rete italiana dell’Università del Fumetto e pioniere del fumetto spaziale, intitolata, non a caso, “Nuvolette nello spazio”.

Programma della prima giornata

Giovedì 8 luglio

Anteprima del Festival

Ore 11:00
Il “santuario” radio protetto sulla faccia nascosta della Luna
Workshop sull’avanzamento dei lavori al COPUOS.
L’unico terreno lunare protetto dai rumori elettromagnetici prodotti dall’Umanità sulla Terra è un pezzo di terra circolare che si trova sulla faccia nascosta del nostro satellite, centrato sulla direttrice Terra-Luna. I radioastronomi si sono attivati affinché tale area resti preservata da ogni possibile tipo di sfruttamento non-scientifico. Un progetto di protezione giuridica di questo “santuario lunare dei segnali radio cosmici” – Protected Antipode Circle (PAC) in gergo tecnico – è oggetto di riflessione presso la Commissione delle Nazioni Unite per il pacifico uso dello spazio (COPUOS).
Al Festival dello Spazio 2021, con la leadership di Claudio Maccone, segretario del comitato scientifico dell’Istituto SETI, un gruppo interdisciplinare di esperti si riunirà per lavorare e progredire su questa iniziativa. Partecipano:
Claudio Maccone, Patrizia Caraveo, Maria Elena De Maestri, Benedetta Valerio, Walter Riva

Ore 15:00
Presentazione di Spacebook, la grande libreria spaziale
Massimo Morasso, scrittore, organizzatore di eventi culturali. Conversazione con gli autori di alcuni libri spaziali apparsi recentemente in libreria. Moderano il “cenacolo di cultura spaziale” Fabrizio Fazzari e Franco Malerba. Partecipano: Patrizia Caraveo (Conquistati dalla Luna, Cortina 2019, e Il cielo è di tutti, Dedalo 2020); Walter Riva e Marina Costa (Universo. Dall’osservazione a occhio nudo al James Webb Telescope, nuinui 2020); Giancarlo Genta (Le rosse cupole di Acheron, Paolacaramella Editrice, 2019 e La frontiera, Paolacaramella Editrice, 2021); Bartolomeo Di Pinto, Lucia Marinangeli ed Enrico Flamini (Dallo Sputnik a Marte e oltre, Youcanprint 2021); Antonio Lo Campo (Voyager e Pioneer – Reporter Cosmici, IBN 2021) Paolo Ferri (Il cacciatore di comete, Laterza 2020); Claudio Maccone (Evo-SETI – Life Evolution Statistics on Earth and Exoplanets, Springer 2021).

Ore 17:00
Nuvolette nello spazio Ferruccio Giromini, docente collaboratore della rete italiana dell’Università del Fumetto.