Quantcast
Aggiornamenti

Vaccinata con AstraZeneca, migliora ancora la 34enne ricoverata al San Martino

Sempre in terapia intensiva il 34enne vaccinato con Johnson & Johnson, ma gli esami avrebbero escluso la correlazione col vaccino

monoblocco san martino

Genova. Resta ricoverata in ematologia all’ospedale San Martino la ragazza di 34 anni savonese vaccinata ad Alassio con AstraZeneca il 27 maggio scorso. Le sue condizioni sono in miglioramento.

La 34enne era stata operata la scorsa settimana, sottoposta a a fibrinolisi di alcuni trombi presenti nella parte venosa del circolo epatico. Poi la giovane è stata dimessa dalla terapia intensiva e trasferita in ematologia. Era arrivata al San Martino non molto tempo dopo il ricovero di Camilla Canepa, deceduta per l’emorragia legata ala trombosi. Entrambe, anche se in due giorni diversi, avevano aderito all’open day per i vaccini cold di Regione Liguria.

Si trova invece ancora in terapia intensiva il 34enne sanremese vaccinato con Johnson & Johnson e ricoverato per una sindrome trombotica.

“L’indagine per la ricerca degli anticorpi anti PF4 è risultata negativa e pertanto non esistono correlazioni” aveva spiagato il policlinico in una nota ufficiale. Residente a Sanremo e vaccinato con Johnson & Johnson all’open day di Ventimiglia il 5 giugno, ha accusato i primi sintomi 11 giorni dopo la somministrazione della prima dose. Durante le prime fasi del ricovero, accanto all’elemento distintivo del calo delle piastrine, si è manifestata una sindrome neurologica trattata rapidamente e con successo dall’hub neuroradiologico del San Martino.

Più informazioni
leggi anche
Generica
Accertamenti
Vaccinata con una dose AstraZeneca, 34enne ricoverata al San Martino con piastrine basse