Quantcast
Avanti tutta

Rotonda di Carignano, Comune tira dritto. Confesercenti: “Ignorate le richieste di audizione”

Approvate in aula le mozioni che autorizzano la variante al puc e la concessione per 90 anni dell'area

rotonda di carignano

Genova. Nonostante la levata di scudi di opposizioni, associazioni e comitati di quartiere, la amministrazione comunale tira dritto e approva, in seduta di consiglio comunale, le due delibere che di fatto danno il via libera al progetto di riqualificazione della rotonda di Carignano, che, come anticipato da Genova24, oltre alle aree verdi prevede la costruzione di due un supermercato e di un altro grande spazio commerciale.

In Sala rossa, infatti, sono state approvate prima la variante al piano urbanistico, poi l’affidamento del diritto di superficie per 90 ad una società privata, che costruirà e gestirà gli spazi. Le pratiche sono state archiviate con il voto compatto della maggioranza.

La riqualificazione, oltre alla sistemazione delle aree verdi, la realizzazione di 152 posti auto e di un edificio residenziale, prevede anche il trasferimento di un supermercato e di un altro grande negozio. Il progetto, firmato dallo studio genovese Ferrera Architetti, è stato presentato dalla Pix Development, già vincitrice del bando per la cessione dell’ex Mercato del Pesce, azienda che si occupa, tra le altre cose, di investimenti immobiliari per il gruppo Conad.

Sulle barricate anche Confersercenti, che boccia su tutta la linea il progetto e le modalità di gestione del ‘fascicolo’, di fatto approvato nel giro di pochi giorni dopo un passaggio in commissione privo di audizioni e di carte progettuali: “Non solo siamo di fronte all’ennesimo cambio di destinazione d’uso per far spazio a Grande Distribuzione – afferma Massimiliano Spigno, Presidente Confesercenti Genova – questa volta non si sono avute audizioni delle associazioni di categoria in commissione, come è sempre stata prassi per le praticvhe che comprendono superfici commerciali. Addirittura, è stata ignorata la successiva richiesta di audizione inviata subito dopo la commissione consiliare del 31 maggio scorso“.

“Certamente gli investimenti per la riqualificazione dell’area sono importanti, ma con 90 anni di concessione – conclude Spigno in una lunga nota stampa – c’è tutta la possibilità di ammortizzare e di guadagnare mantenendo la funzione commerciale per negozi di vicinato, senza bisogno di mettere altra GDO. Rigenerazione urbana non significa supermercati“.

Prometta ancora battaglia l’opposizione, che in aula ha presentato diversi ordini del giorno e emendamenti che provavano a vincolare l’uso pubblico della zona e a calmierare in qualche modo l’impatto del progetto sul tessuto urbano del quartiere: “L’assessore al commercio non era presente alla discussione e non sono stati interpellati in merito a ciò i cittadini e neppure i comitati di categoria – sottolinea in aula Cristina Lodi, del Partito Democratico – una mancanza molto grave. Credo che ad un anno dalle amministrative non debbano rimetterci i cittadini, anzi, dovrebbero essere coinvolti nel miglior modo possibile”.

Più informazioni
leggi anche
  • Il disegno
    Due strutture di vendita e 152 posti auto: ecco il progetto per la rotonda di Carignano
    progetto rotonda carignano
  • Scontro
    Rotonda di Carignano, spunta l’ipotesi supermercato. Caos in commissione per il progetto ‘fantasma’
    rotonda di carignano
  • La replica
    Rotonda di Carignano, l’assessore Cenci risponde alle critiche: “Nessuna cementificazione, ma più verde pubblico”
    rotonda di carignano progetto