Quantcast
In crescita

Rivasamba, entusiasmo per il settore giovanile: “Abbiamo tenuto duro e il nostro sforzo è stato premiato”

Grandi numeri mai raggiunti in passato e a luglio spazio al City Summer Camp Calafato

Rivasamba

Sestri Levante. Anche questa stagione sta volgendo al termine ed il Rivasamba ha confermato che gli sforzi fatti durante questo periodo così particolare hanno comunque portato i loro frutti.

Stagione complicata per tutto il settore giovanile che ha dovuto convivere con regole nuove ed aspettare solamente il mese di maggio per poter rigodere del piacere delle competizioni agonistiche.

Abbiamo tenuto duro e questo sforzo è stato premiato dall’arrivo di quaranta bambine che hanno dato vita alla scuola calcio femminile calafata e numerosi nuovi arrivi anche tra i bambini. I tesserati hanno toccato i trecento iscritti – spiegano i dirigenti -. Ma l’attività non si ferma. Come sempre andiamo avanti programmando un futuro di gioco, crescita e divertimento per i nostri ragazzi. Per questo, nel mese di luglio, è stato riorganizzato il City Summer Camp Calafato, dal 6 al 24 luglio, presso il rinnovato impianto HC Andersen di via Modena 1. Tecnici qualificati e preparatori atletici vi aspettano per vivere insieme le emozioni sportive di Euro2020″.

La forza del settore giovanile e la crescita che hanno avuto i nostri giovani lo hanno dimostrato i risultati ottenuti dalla prima squadra, composta appunto da numerosi giovani calafati, durante il campionato di Eccellenza – proseguono -. Tutto ciò è stato possibile grazie agli sforzi fatti da parte di tutta la dirigenza, presidente Pastorino in primis e Giuliano Franchini, senza dimenticare il direttore generale Simone Ameri, l’onnipresente David Cesaretti e tutti i dirigenti nonché un grazie anche a tutti gli sponsor che, nonostante il periodo, hanno continuato a contribuire alla crescita della società e del settore giovanile”.

Per tirare le somme di questa stagione abbiamo intervistato David Cesaretti che ci ha fatto un breve riassunto. “Grande soddisfazione per il grande lavoro fatto in una stagione così particolare nonostante le condizioni estreme, grazie ai dirigenti, allenatori e preparatori – ha dichiarato -. Chiudiamo con quasi trecento tesserati comprese le bambine che sono la grande novità per la prossima stagione. Felicissimi per il raggiungimento di questi importanti risultati“.

Il Camp torna ad essere cittadino, fondamentale per radunare e salutare i ragazzi per il fine stagione con una grande festa finale il 24 luglio. Alternando le attività estive l’anno prossimo prevediamo di riorganizzare una nuova versione travel dove lo scorso anno i ragazzi (cinquanta) si sono molto divertiti a Fanano – ha proseguito Cesaretti -. Per concludere abbiamo grandi aspettative per la nuova stagione nella speranza che si torni alla normalità e si possa ricominciare a condividere questa nostra grande passione con tutti gli amanti dello sport giovanile”.

Abbiamo incontrato anche Giorgio Avellino, grande mister, preparatore tecnico di qualità e dirigente storico della società. “L’arrivo delle bimbe ha portato ulteriore entusiasmo nella società – ha affermato -. Da verificare il numero di quante vorranno proseguire per la prossima stagione. È stata comunque una stagione positiva grazie all’impegno ed alla collaborazione di tutti. Questa stagione è stata anche segnata da una terribile pandemia e quindi da una inevitabile rinuncia di molti eventi, quindi il Camp è di fondamentale importanza. Secondo il mio punto di vista l’orario serale penalizza un po’ le adesione in quanto in quell’orario i genitori che hanno impegni di lavoro sono nella maggioranza rientrati e quindi possono dedicarsi ai figli. Quelli più grandi sono più autonomi e meno interessati a queste proposte. Diverso sarebbe poter effettuare il camp al mattino quando chi lavora ha la necessità di ‘piazzare’ i figli. Ma questo comporterebbe un impegno che probabilmente sarebbe impossibile sostenere. La prima squadra è la dimostrazione che si può costruire un gruppo di giocatori validi anche se giovani, non solo per necessità. Certamente ci vuole un po’ di coraggio e si deve rischiare qualcosa in più. Questo sarebbe uno stimolo maggiore per quei giovani che sognano di indossare la maglia della prima squadra”.

rivasummercamp2021

La locandina del City Summer Camp Calafato

leggi anche
David Cesaretti
Sicurezza
Eccellenza 21/22, il Rivasamba opta per la continuità con Cesaretti ancora alla guida della prima squadra