Quantcast
Stagione eccellente

La Sampdoria Primavera esce a testa alta dai play off

Partita spettacolare dei ragazzi di Tufano, che finiscono in lacrime dopo “aver dato l’anima”. Passa l’Atalanta 2-1

Sampdoria Vs Milan

Sassuolo. Allo stadio Ricci, con in palio la finale che aggiudicherà lo scudetto Primavera, Felice Tufano ha consegnato ai direttori di gara (arbitro Bitonti di Bologna, assistenti Basile di Chieti e Massimino di Cuneo, quarto ufficiale Delrio di Reggio Emilia) questa distinta:

Sampdoria (3-5-2): Saio; Aquino, Angileri, Obert; Ercolano, Trimboli, Yepes Laut, Siatounis, Giordano; Montevago, Di Stefano.

A disposizione: Zovko, Somma, Francofonte, Brentan, Paoletti, Leonardi, Canovi, Gaggero, Malagrida, Marrale, Napoli, Yayi Mpie.

 Da parte sua il tecnico avversario, Massimo Brambilla ha risposto così:

Atalanta (4-3-2-1): Dajcar; Ghislandi, Berto, Scalvini, Ceresoli; Ghisleni, Sidibe, Renault; Gyabuaa, Cortinovis; Italeng.

A disposizione: Sassi, Vismara, Giovane, Cittadini, Scanagatta, Hecko, Oliveri, Rodriguez, Zuccon, Grassi, De Nipoti, Rosa.

Prima considerazione che balza all’occhio… ci sono, negli undici di base,  più giocatori di scuola straniera fra i nerazzurri (lo sloveno Matevz Dajcar, il centrocampista Alassane Sidibe della Costa d’Avorio,  l’italo francese Guillame Renault, l’ italo ghanese Emmanuel Gyabuaa ed il camerunense Jonathan Italeng), che non fra i blucerchiati (lo slovacco Adam Obert, lo spagnolo Gerard Yepes Laut ed il greco Antonis Siatounis).

Parte aggressiva l’Atalanta, con Cortinovis che dà sfoggio di grande classe e con la Samp un poco rinunciataria, ma al 12°, ancorché col piede meno forte (il sinistro) Di Stefano spara dal limite sopra la traversa.

Al 14° giallo ad Yepes per entrata in scivolata su Ghislandi… Speriamo non pesi troppo nell’economia del gioco.

Al 18° grande giocata di Di Stefano, messo giù dalla difesa bergamasca… La punizione di Trimboli si stampa sull’incrocio dei pali e sul ‘tap in’ di Aquino, Gyabuaa salva sulla riga a portiere battuto.

Al 22° è Yepes a costringere sempre Dajcar ad una difficile parata… l’Atalanta manovra molto di più, ma le palle goal sono della Samp.

Al 25° altra palla goal clamorosa per la Samp con Montevago, solo davanti a Dajcar, che calcia di esterno una palla che è una via di mezzo tra il tiro e l’assist per Siatounis… e la palla va fuori, mentre viene naturale rimpiangere l’assenza di Nik Prelec.

Prima mezz’ora spettacolare della Samp, ma nel momento migliore dei blucerchiati, Ghislandi elude Obert e trova, di sinistro, un tiro pazzesco, a giro, che va ad insaccarsi all’incrocio dei palo… Sampdoria sotto di un goal (0-1).

Passano tre minuti e su corner manovrato, Scalvini, di tibia, mette la palla in rete e Saio ko, senza che l’arbitro ravveda il fallo, col portiere doriano costretto a lasciare il posto a Zovko…. 0-2 e partita in tremenda salita.

Al 45° inoltrato giallo a Ghislandi per fallo sulla trequarti e sulla punizione tagliata di Giordano, il più piccolo di tutti, Yepes accorcia di testa le distanze (1-2) e partita riaperta, prima che le squadre vengano mandate dall’arbitro negli spogliatoi per l’intervallo.

Si riprende con un ingiusto giallo per Angileri… intervento sulla palla e non su  Sidibe come ritiene l’arbitro e prima che passino cinque minuti, Trimboli ci prova da lontano… palla alta non di molto.

Al 53° comoda parata di Zovko su Ghisleni, mentre al 55° Di Stefano dà una palla importante a Siatounis, che la sfiora solamente di testa.

Al 59° altro assist di Di Stefano per Siatounis, il cui ‘piattone’ destro è alle stelle… era una ghiotta occasione. Il greco rimedia all’errore andando a recuperare su Italeng lanciato a rete.

Al 64° miracolo di Zovko che devia sul palo un tiro a botta sicura di Sidibe

Al 66° entrano Somma e Malagrida per Giordano e Montevago, con la Samp che passa alla difesa a quattro, col 4-2-3-1.

Al 68° cooling break, che spezza il ritmo di chi deve rimontare ed al 72° entra Oliveri per Ghisleni.

Al 74° parata dell’anno di Dajcar, ma l’inserimento di testa di Siatounis è in fuorigioco.

Al 76° Italeng cerca il goal alla Quagliarella da metà campo… palla alta, mentre Francofonte prende poi il posto di Yepes ed Yaye Mpie quello di Angileri.

Al 78° il tiro a giro di Trimboli risulta alto ed al 79° una girata di Malagrida è deviata di un soffio in angolo da un difensore atalantino… Samp sfortunata, mentre la Dea effettua gli ultimi cambi e Di Stefano è bloccato dai crampi.

All’ 84° occasione su punizione dal limite per Trimboli… ma la palla sfiora la traversa.

All’87° Yaye Mpie si fa anticipare da Dajcar ad un passo dalla linea di porta, sprecando un ottimo sevizio di Trimboli (il migliore della Samp).

Sei minuti di recupero… che iniziano con un giallo a Dajcar per perdita di tempo.

Al 92° Gyabuaa non riesce a chiudere la partita, mettendo a fil di palo, dopo essersi presentato solo davanti a Zovko.

Passa l’Atalanta che va a giocarsi la finale con la vincente fra Inter ed Empoli, ma i giovani di Tufano ed il mister in particolare, escono dal campo a testa alta, dopo una partita ricca di emozioni e soprattutto un campionato chiuso in prima posizione nella “regular season”…

Complimenti ragazzi, niente lacrime… meritate solo applausi!