Quantcast
Serie d

Il Gozzano ferma il Sestri Levante. La Lavagnese conquista tre punti sudati

I Corsari devono arrendersi alla capolista che “vede” la promozione. Bianconeri che accorciano sulla Caronnese e puntano al nono posto in classifica

 Sestri Levante vs Lavagnese

Ci si avvia alla fine della stagione regolare per la Serie D, una stagione travagliata che comunque è ancora molto lunga, almeno per le squadre che accederanno ai playoffs per fare strada. Ci crede ancora il Sestri Levante autore di una grande annata che ha visto il rossoblù stare stabilmente fra le prime. A Gozzano contro la capolista, però non basta la voglia dei liguri per superare i novaresi, ormai ad un soffio dal ritorno in Lega Pro.

La partita è di quelle che si fanno ben guardare. Ritmi subito importanti e pochi fronzoli da una parte e dall’altra. Selvatico dopo sette minuti fa correre un brivido lungo la schiena dei tifosi locali con una bordata che si stampa sul palo della porta difesa da Vagge. La sfera arriva a Ferretti che da due passi manda incredibilmente alto per la disperazione di mister Ruvo. Due minuti dopo Allegretti risponde sul fronte opposto con un tiro in diagonale che sfiora il palo di Salvalaggio. 

Sestri che sui fa preferire in questa fase con Selvatico che al quarto d’ora riceve palla, se la aggiusta e calcia sfiorando solo il gol. Al 21° cambia la gara quando Buso scippa la sfera a Kayode, punta la porta, ma viene steso da Pavan. Rigore che viene calciato da Selvatico, ma Vagge intuisce e blocca il tiro per la seconda occasione nitida gettata alle ortiche dai Corsari che alla fine pagheranno questi sprechi. Il gol arriva alla mezz’ora quando Vagge respinge corto un tiro di Buso, palla a Cirrincione che da due passi non sbaglia ed è 0-1. 

La reazione dei locali è di Sylla che scatta sul filo de fuorigioco che alla prima occasione infila Salvalaggio con un tocco delicato, ma decisivo nel mandare fuori giri il portiere rossoblù. Ancora Sylla al 43° sfiora il raddoppio con un colpo di testa che passa di poco a lato della porta ligure. 

Nella ripresa subito botta e risposta fra Allegretti e Buso. Il primo non trova la porta di potenza, l’altro va di testa trovando la risposta del portiere che devia. Selvatico poi prova a farsi perdonare con un eurogol dai venti metri a portiere fuori dai pali: il tiro e diretto all’incrocio, ma esce di un soffio con Vagge che osserva e ringrazia ancora una volta per il regalo inatteso.

Il Sestri fa la gara e il Gozzano riparte in velocità. Questo è il leitmotiv della ripresa. La rete decisiva arriva al 67° quando Vagge rilancia dalla porta Allegretti che resiste a Pane e in diagonale fulmina Salvalaggio per la rimonta completa del Gozzano. Sestri che recrimina poi per un tocco evidente con il braccio in area novarese da parte di un difensore locale. Per l’arbitro non c’è fallo e Ruvo va su tutte le furie, costringendo il direttore di gara ad allontanare il tecnico sestrino. Ospiti che si espongono alle ripartenze dei padroni di casa e Sylla all’87° sfiora il tris con una confusa azione in area. Finisce 2-1 per il Gozzano che è ad un punto dalla matematica promozione, mentre per il Sestri Levante restano tre partite, di cui due con il ritrovato pubblico amico, per provare ad accedere a quelli che sarebbero dei più che meritati playoff.

Bella giornata per la Lavagnese invece, squadra ormai salva e che può giocare senza pensieri contro un’altra compagine che non ha più nulla da chiedere a questo campionato: la Caronnese. Si tornano a popolare le tribune del “Riboli” sotto un sole finalmente caldo come si confà a questo periodo dell’anno per una gara che regala gioie e anche nuovo entusiasmo alla Lavagnese di mister Masitto. Subito all’attacco i padroni di casa con Oneto che va vicino al gol dopo 6’: tiro a botta sicura e salvataggio provvidenziale di un difensore sulla riga. Risposta dei rossoblù affidata a Corno che non è preciso e manda la sfera ampiamente fuori. Al 23° è Addiego Mobilio che pesca Buongiorno in profondità, tiro di prima intenzione che chiama alla reazione da fuoriclasse di Angelina, estremo difensore lombardo. 

Al 38° cambia il parziale: proprio Buongiorno anticipa Angelina su cross di D’Orsi e tocca quanto basta per scavalcare il portiere ospite.

Si va alla ripresa con i rossoblù che tentano di imbastire una rimonta tramite organizzazione e determinazione. Sul lato opposto, però la squadra di Masitto si dimostra pronta a reagire soprattutto chiudendo ogni spazio in difesa e ripartendo velocemente. Al 52° Oneto non trova la porta ancora per un difensore che respinge la sua conclusione potente. Poco dopo Travaglini su punizione chiama alla parata un quasi inoperoso Boschini. Il caldo costringe le squadre a rallentare e come avviene solitamente il secondo tempo vive di gioco spezzettato a causa di falli e soprattutto di sostituzioni. La gara resta in bilico fino alla fine nonostante il tentativo di Romanengo al 77°, bella parata di Angelina e le due grandi occasioni per gli ospiti. All’84° Corno sfiora l’incrocio con un gran tiro dal limite dell’area; tre minuti dopo Siani di testa prova la reattività di Boschini che risponde presente. Gara che si chiude del tutto solo al 95° quando D’Orsi prende palla dalla fascia, rientra sul sinistro e calcia a giro nell’angolino per il 2-0 che vale tre punti faticati, ma meritati. 

Nel prossimo turno i bianconeri andranno a fare visita alla Folgore Caratese, mentre torna il pubblico al “Sivori” per Sestri Levante – Saluzzo.