Quantcast
Ciak, si riparte

Il Busalla presenta lo staff tecnico per la stagione 2021/22 fotogallery

In panchina, per il decimo anno consecutivo, Gianfranco Cannistrà, mister che incarna in pieno la filosofia sportiva del Busalla, la squadra che ha il record di longevità del campionato di Eccellenza (27 partecipazioni su 31, otto anni consecutivi)

busalla

Busalla. C’è tanta voglia di ripartire in casa Busalla, di ritornare alle emozioni del campo, della palla che finalmente torna a rotolare… gli allenamenti, la partita domenicale.

La società ha alzato il sipario sulla stagione 2021/22 presentando lo staff tecnico per il prossimo campionato di Eccellenza.

In panchina ci sarà, per il decimo anno consecutivo, Gianfranco Cannistrà, mister che incarna in pieno la filosofia sportiva del Busalla, la squadra che ha il record di longevità del campionato di Eccellenza (27 partecipazioni su 31, otto anni consecutivi).

Assieme a Cannistrà ci saranno i collaboratori tecnici Gianluca Golotta, Alessio Cantoni e Giorgio Lanzarone, il preparatore dei portieri Sandro Campanelli ed i massaggiatori Paolo Gaggini e Mario Ponte. 

Presenti anche il direttore sportivo Aldo Mignacco ed il team manager Claudio Nucci.

Tornare sul rettangolo verde ti cambia l’umore – sorride mister Gianfranco Cannistrà – speriamo di riprendere al più presto. La squadra dello scorso anno era davvero molto forte, l’idea è quella di mantenere il gruppo, per dimostrare tutto il nostro valore, sono molto impaziente di poter lavorare, assieme allo staff, alla costruzione della nuova stagione”.

“Sono cresciuto a Busalla, l’opportunità di lavorare con Cannistrà e quella di essere il direttore tecnico del settore giovanile è da onorare al meglio – afferma Giorgio Lanzarone – la prospettiva con la quale riparte il Busalla rimane sempre la solita, quella di riuscire a formare delle basi per poter arrivare a far giocare più giocatori possibili del nostro serbatoio giovanile”.

“Ventisette partecipazioni su trentuno stagioni in Eccellenza sono un record che ci appartiene e di cui ne siamo molto orgogliosi – dichiara il direttore Aldo Mignacco – una società come la nostra è sempre riuscita a mantenersi ai massimi livelli grazie al fatto che siamo veramente una grande famiglia, lo dimostra il fatto che mister Cannistrà è con noi da dieci anni. Il nostro obiettivo è confermare lo zoccolo duro ed i giocatori più esperti, ai quali affiancheremo dei giovani molto bravi, stiamo cercando qualche innesto, sempre in chiave Juniores, per creare una rosa competitiva che ci faccia divertire. Porteremo parecchi 2004/2005 , a respirare l’aria della prima squadra, durante il periodo della preparazione pre campionato, la nostra  è una politica che ci contraddistingue da parecchi anni – conclude Mignacco – siamo riusciti a far esordire tanti giovani, alcuni dei quali giocano ancora con noi. Ritengo che lavorando con calma, senza creare troppe pressioni, si riescano ad ottenere dei risultati in tempi addirittura accorciati rispetto a quelli previsti”.

“Mi aspetto un’annata bella, partendo dal fatto che è meraviglioso ritornare alla normalità, con il nostro campo pieno dei colori delle squadre, mentre dal punto di vista sportivo voglio vedere il Busalla di Cannistrà  giocare a pallone, come da sempre riesce  a fare.  Non abbiamo un obiettivo particolare – afferma il vicepresidente Massimo Repetto – sappiamo di essere una buona squadra che vuole dare filo da torcere a tutti. La mossa di nominare Lanzarone direttore tecnico del settore giovanile è stata studiata per cercare di elevare il livello del parco allenatori, a partire dalla scuola calcio per arrivare fino alla prima squadra, in modo di avere un unico filo guida, che li porti tutti nella stessa direzione”.