Forza Italia Liguria in campo per la riforma fiscale: "Meno tasse, più crescita" - Genova 24
Centrodestra

Forza Italia Liguria in campo per la riforma fiscale: “Meno tasse, più crescita”

Giovedì la Scuola di Formazione con Sestino Giacomoni, Giuseppe Profiti e Marco Rossi

Generica

Genova. Meno tasse, più crescita”. E’ questo il titolo della prossima riunione della Scuola di Formazione regionale di Forza Italia, che avrà luogo giovedì 24 giugno alle ore 18.00 in videocall su Google Meet (codice ffo-rajw-akq). “Meno tasse, più crescita” è anche lo slogan con cui il movimento fondato da Silvio Berlusconi sta portando avanti su tutto il territorio nazionale le sue proposte di riforma del fisco, anche con una raccolta firme che sarà avviata con i banchetti che si svolgeranno il prossimo fine settimana a Genova e in altre località della Liguria.

La videocall sarà introdotta dall’on. Roberto Cassinelli, responsabile Area Libere Professioni di Forza Italia nella Commissione Giustizia della Camera, dalla sen. Alessandra Gallone, responsabile nazionale del Settore Formazione di Forza Italia, e dal coordinatore regionale Carlo Bagnasco. Interverranno l’on. Sestino Giacomoni, presidente della Commissione Bicamerale di Vigilanza sulla Cassa Depositi e Prestiti, membro del Comitato di Presidenza di Forza Italia, Giuseppe Profiti, professore di Contabilità dello Stato e degli Enti Pubblici presso l’Università degli Studi di Genova, e Marco Rossi, commercialista e revisore contabile, presidente del Collegio dei Revisori dei Conti del Comune di Genova. All’incontro prenderà parte anche Claudio Muzio, capogruppo in Regione di Forza Italia – Liguria Popolare.

“Con la crisi indotta dalla pandemia famiglie, professionisti, esercenti ed imprenditori hanno bisogno di una boccata di ossigeno, non certo di morire soffocati o sopraffatti da una mazzata finale di tasse”, dichiara Mario Mascia, responsabile regionale del Settore Formazione di FI e capogruppo in Consiglio Comunale a Genova. “Forza Italia è ancora una volta in prima linea per fornire soluzioni concrete alla crisi. Tra le nostre 22 proposte vi sono il blocco delle cartelle esattoriali sino alla fine del 2021, la pace fiscale per sanare i debiti fiscali pregressi e il contenzioso tributario in essere, la flat tax per il ceto medio, la riduzione delle attuali aliquote Irpef, il definitivo superamento dell’Irap, la no tax area fino a 12 mila euro, l’eliminazione delle tasse di successione e donazione. E ancora – prosegue Mascia – il fattore familiare, il no a patrimoniali sui capitali privati, il mantenimento e l’estensione della cedolare secca sui redditi delle locazioni di immobili, la semplificazione della normativa tributaria, degli adempimenti, delle procedure e del contenzioso, la rimodulazione delle aliquote Iva, il riordino delle addizionali locali”.

“La riforma fiscale sarà uno dei punti cardine della presenza di Forza Italia nel governo Draghi, chiamato a far uscire il Paese dall’emergenza economica e finanziaria” commenta l’on. Cassinelli. “La priorità, oggi più che mai, è tagliare le tasse e dire no a qualsivoglia patrimoniale o tassa di successione: nessuno dei nostri governi ha mai messo le mani nelle tasche degli italiani”.

“Meno tasse per tutti – afferma il coordinatore regionale di FI Carlo Bagnasco – non è soltanto uno degli slogan storici di Forza Italia, ma esprime anche il nostro modo di intendere il rapporto tra lo Stato e il cittadino. E’ un messaggio che dalla discesa in campo del presidente Berlusconi nel ’94 è diventato centrale nel dibattito politico ed è ancora oggi attuale. Per questo con gli amici Mascia e Cassinelli abbiamo promosso questo incontro della Scuola di Formazione, a cui faranno seguito, nel fine settimana, i banchetti in tutta la Liguria per la raccolta firme a sostegno delle nostre proposte di riforma del fisco”.

Più informazioni