Ex Ilva, la Fiom a Toti: "Dopo le gravi accuse ci restituisca la felpa" - Genova 24
334953

Ex Ilva, la Fiom a Toti: “Dopo le gravi accuse ci restituisca la felpa”

Accusati di essere privilegiati e facinorosi, chiedono la restituzione della felpa che lo stesso presidente della Regione chiese in regalo anni fa

Generica

Genova. E’ finita la luna di miele, sopratutto strategica (unità dialettica tra opposti, la chiama la Fiom citando Hegel) tra il presidente della Regione Giovanni Toti e le tute blu della Cgil, che era cominciata nel corso del primo mandato del governatore di centro destra. La Fiom aveva finora sempre avuto l’appoggio della Regione Liguria nelle diverse battaglie intraprese in questi anni a difesa dello stabilimento.

Ma venerdì qualcosa si è rotto, forse definitivamente. Toti non solo non è intervenuto a difesa dei lavoratori al momento della notizia della cassa integrazione in arrivo senza l’accordo sindacale ma, prima ha “auspicato” che i lavoratori sospendessero le proteste, poi addirittura li avrebbe accusati di essere privilegiati e facinorosi.

Accuse che oggi portano la Fiom che, a sorpresa, diversi anni fa, regalò la felpa del sindacato a Toti, di restituirgliela. Ecco la lettera aperta al governatore:

All’attenzione del Presidente Giovanni Toti,

come lei ricorderà alcuni anni fa dopo l’ennesima manifestazione per far rispettare l’Accordo di programma (pacta servanda sunt) Lei ci chiese la felpa della Fiom. Per noi la felpa della Fiom non è solo “una felpa”, ma un simbolo equivalente ad una bandiera.

Ricordandoci del concetto di Hegel di “unità dialettica tra opposti” noi abbiamo soddisfatto la sua richiesta con tanto di fotografi presso il palazzo della Regione. In questi giorni sono apparse sue improvvide, gratuite e anche gravi dichiarazioni nei confronti della Fiom, dei suoi sei mila iscritti e dei lavoratori.

Le confessiamo che ci siamo domandati il perché e l’unica risposta che ci siamo dati è un’esigenza elettorale per sviluppare il suo piccolo partito.
Le sue dichiarazioni non meritano una nostra risposta, tuttavia è evidente che hanno fatto venire meno quell’unità dialettica tra opposti e con rammarico dobbiamo constatare che restano solo gli opposti.

Pertanto siamo per cortesia a chiederLe di restituirci la felpa della Fiom, ci dica lei quando e dove.

Distinti saluti

Più informazioni
leggi anche
andrea orlando, lavoratori ex ilva
Confronto alla ligure
Ex Ilva, i lavoratori al ministro Orlando: “Vergogna, istituzioni lontane”. Lui: “Replicheremo con i fatti”