Ex Ilva, il cargo Merak è tornato a Genova dopo il tentativo fallito di dribblare lo sciopero - Genova 24
Tempo perso

Ex Ilva, il cargo Merak è tornato a Genova dopo il tentativo fallito di dribblare lo sciopero

Grazie alla solidarietà dei portuali savonesi, oggi la nave viene scaricata a Genova dove il lavoro è ripreso regolarmente. L'rsu: "Persi giorni e soldi, nel week end l'avremmo scaricata"

nave merak

Genova. E’ attraccata a Genova questa mattina all’alba la nave Merak, trasferita da Genova a Savona da Arcelor Mittal per tentare di dribblare allo sciopero dei lavoratori genovesi di venerdì.

La mossa però non ha funzionato perché da Savona è arrivata la solidarietà concreta dei lavoratori della Culp che hanno indetto tre giorni di sciopero specifico relativo alle operazioni su quella nave, da domenica a stamani per rispondere a un atto considerato lesivo del diritto di sciopero e delle relazioni sindacali.

Così la nave ieri sera ha fatto dietro front e stamani è tornata alla banchina dell’Ilva con tutti i suoi ‘rotoli’ e le operazioni di scarico sono cominciate solo stamani.

“Rinnoviamo il nostro grande abbraccio fraterno alla compagnia dei lavoratori della compagnia portuale di Savona – commenta il coordinatore dell’rsu Armando Palombo – purtroppo si sono perse giornate utili per poter scaricare la nave, visto che se avessero rispettato lo sciopero di venerdì, tra sabato e domenica i coils sarebbero stati tutti sbarcati, senza lo spreco immaginiamo ingente di risorse che è costato il trasfrimento a vuoto. Su questo fronte abbiamo ripristinato un minimo di normalità anche se il resto dell’azienda ci sembra governata in modo schizofrenico”.

Più informazioni
leggi anche
Generico giugno 2021
Protesta
“Il camallo non è uno sciacallo”, i portuali di Savona solidali con gli operai ex Ilva
Culp Rebagliati Savona
Il caso
Nave da Cornigliano a Savona per dribblare lo sciopero ex Ilva: portuali della Culp solidali con i metalmeccanici