Quantcast
Perfetti

Euro 2020, Italia-Galles 1-0: azzurri primi nel girone, agli ottavi troveranno Ucraina o Austria

Gol di Pessina al 39esimo del primo tempo. Il genovese Chiesa schierato per la prima volta titolare in avvio di gara

pessina

Roma. L’Italia batte il Galles 1-0 e chiude la fase a gironi di Euro 2020 prima in classifica a punteggio pieno e con la porta ancora imbattuta. Agli ottavi, a Wembley il 26 giugno alle 21, gli azzurri incontreranno una tra Ucraina e Austria, che si affrontano domani per il secondo posto del gruppo C.

A sbloccare il risultato è stato un gol di Pessina al 39esimo del primo tempo, una pregevole deviazione su calcio di punizione battuto da Verratti – all’esordio dopo l’infortunio col Psg – che non ha lasciato scampo a Ward.

L’Italia ha giocato col lutto al braccio in ricordo Giampiero Boniperti, scomparso due giorni fa. All’Olimpico il Galles si è inginocchiato per Black Lives Matter, e per la prima volta il gesto è stato compiuto anche da quattro azzurri, all’Olimpico. prima della partita Italia-Galles. Si tratta di Belotti, Bernardeschi, Emerson e Toloi, primi italiani dopo Orsato a manifestare all’Europeo col gesto contro ogni discriminazione razziale.

Continua dunque a gonfie vele l’europeo degli azzurri dove non ci sono calciatori rossoblucerchiati ma c’è un genovese, Federico Chiesa, oggi schierato per la prima volta titolare dal primo minuto nell’attacco a tre con Bernardeschi e Belotti.

Tifosi in festa nelle piazze di molte città d’Italia dove sono stati allestiti maxischermi, mentre a Genova nessuno ha ancora organizzato nulla del genere.

Più informazioni
leggi anche
gianluca vialli, roberto mancini
Sampdorianità
Euro 2020: inizia il sogno dell’Italia nel segno di Mancini e Vialli, i “gemelli del goal” della Samp
Sampdoria vs Juventus
Focus on
Euro2020, un genovese alla conquista della nazionale: Federico Chiesa è pronto a stupire
nazionale italia azzurri galles euro 2020
L'europeo visto dal territorio
Euro2020, l’Italia si prepara ad un’altra notte magica: le parole di Roberto Scelfo e Fabrizio Barsacchi