Coronavirus, Toti: "Nessun paziente Covid negli ospedali dell'Asl 3 genovese" - Genova 24
Buona notizia

Coronavirus, Toti: “Nessun paziente Covid negli ospedali dell’Asl 3 genovese”

I ricoveri sono al Galliera e al San Martino, covid free Villa Scassi, Gallino di Pontedecimo, Micone di Sestri Ponente e Colletta di Arenzano

Generica

Genova. “Oggi Asl3 è di nuovo covid free: non c’è alcun paziente covid ricoverati negli ospedali Villa Scassi, Gallino di Pontedecimo, Micone di Sestri Ponente e Colletta di Arenzano”. Così il presidente di Regione Liguria e assessore alla Sanità Giovanni Toti, tracciando il punto della situazione sull’emergenza sanitaria.

“Prosegue il trend positivo dei giorni e delle settimane scorse – aggiunge Toti – con dati che continuano a migliorare. Anche oggi non sono stati registrati decessi e questo è il dato più importante. Cala il numero delle persone in isolamento domiciliare (-14) mentre nei nostri ospedali ci sono 23 pazienti covid (7 in meno rispetto a ieri), di cui 8 in terapia intensiva e appena 15 nei reparti di media intensità di cura e nessun ricoverato per covid negli ospedali della Asl3. Credo sia un dato molto incoraggiante che però non deve farci abbassare la guardia: dobbiamo continuare ad essere prudenti e soprattutto a vaccinarci, per poter proseguire nel percorso di ripresa e ripartenza che abbiamo intrapreso e che Regione sostiene fortemente”.

A questo proposito, Toti ricorda che “dall’inizio della campagna vaccinale abbiamo somministrato complessivamente 1 milione e 292.378 vaccini, il 90% di quelli che sono stati consegnati alla Liguria. Nelle ultime 24 ore sono state effettuate 9.826 vaccinazioni: il sistema che abbiamo messo in campo, tra hub e punti vaccinali diffusi sul territorio, sta lavorando meno di quanto potrebbe a causa di un calo delle vaccinazioni. Il primo obiettivo, che contiamo di traguardare grazie a iniziative mirate in programma nei prossimi giorni con giornate vaccinali ad accesso diretto, è recuperare gli over60 che ancora non hanno prenotato il vaccino e che, a causa della circolazione delle varianti nel Paese, corrono il rischio non solo di essere contagiati ma anche di finire in ospedale con conseguenze gravi. Inoltre coloro che hanno già fatto la prima dose con il richiamo fissato dopo 42 giorni, potranno anticiparlo a 21 giorni, per evitare che cada ad agosto, nel periodo delle vacanze”.

Il governatore ricorda che da lunedì 28 giugno “decadrà l’obbligo di indossare le mascherine all’aperto in assenza di assembramenti: un ulteriore passo verso il ritorno alla normalità. Inoltre – conclude – la prossima settimana attiveremo la possibilità di effettuare il richiamo in Piemonte per i liguri che trascorreranno là le vacanze e viceversa, per i piemontesi che sceglieranno la Liguria come meta per le ferie”.

Più informazioni
leggi anche
Generica
Bollettino
Coronavirus, 8 nuovi casi in Liguria e nessun morto: meno di 10 pazienti covid in terapia intensiva
hub fiera genova vaccino covid coronavirus
Prevenzione
Vaccino, nuove strategie della Regione: giornate ad accesso diretto e seconde dosi anticipate