Quantcast
Finale playoff

Bogliasco e Catania pareggiano: la promozione si deciderà in Sicilia

Alla Vassallo finisce con 9 reti per parte

Bogliasco

Bogliasco. Si deciderà tra sette giorni a Catania la sfida promozione tra gli etnei e il Bogliasco.

Nella finale d’andata dei playoff di Serie A2 levantini e siciliani hanno impattato 9-9 nelle acque della Vassallo. Un pareggio sostanzialmente giusto per quanto visto in vasca che lascia vive le ambizioni di gloria di entrambe le formazioni.

Gara intensa, soprattutto nella prima metà gioco, quando le reti arrivano a pioggia da ambo i fronti.

Partono forte i bogliaschini che chiudono avanti 3-2 la prima frazione di gioco, dopo essere stati per due volte sul doppio vantaggio grazie alla doppietta dalla distanza di capitan Guidaldi e alla rovesciata di Andrea Bonomo.

I biancazzurri provano l’accelerata anche in avvio di secondo tempo ma le due reti di Edo Manzi e il secondo squillo di Bonomo trovano sempre l’immediata risposta catanese. Una risposta che diventa break prima della sirena di metà gara. Approfittando di un calo dei liguri Catania prima pareggia e poi, a 13 secondi dall’intervallo lungo, mette per la prima volta la testa avanti.

I ritmi indiavolati si raffreddano dopo il cambio vasca, tanto che bisogna aspettare la metà del terzo tempo per vedere una delle due reti tornare a scuotersi. A farlo è quella ospite, colpita dal coniglio che Ale Canepa estrae dal proprio cilindro. Subito dopo è ancora Guidaldi a ribaltare l’andamento della sfida, siglando il suo personale tris. I siciliani però non mollano la presa e ristabiliscono ancora una volta la parità. Parità ribadita anche negli otto minuti conclusivi dal botta e risposta tra il polivante di casa Ermanno Percoco e il catanese Catania.

“Come era prevedibile è stata una finale molto equilibrata – sostiene a fine partita il tecnico Daniele Magalotti – che si deciderà nella sfida di ritorno. Peccato perché eravamo partiti bene ma poi ci siamo un po’ persi, regalando un po’ troppo in difesa e non mettendo in acqua la solita cattiveria agonistica che ci ha contraddistinto quest’anno. Se al ritorno vogliamo portarla a casa dovremmo metterci qualcosa in più perché di fronte avremo una grande squadra che non ci regalerà nulla. Per come è andata oggi resta quindi un pizzico di rammarico. Però i ragazzi sono usciti stanchissimi, segno che hanno dato tutto. Giù da loro, tuttavia, dovremmo stare attenti a certe piccolezze che arrivati a questo punto tanto piccole non sono”.

Il tabellino:
Bogliasco 1951 – Dmg Nuoto Catania 9-9
(Parziali: 3-2 3-5 2-1 1-1)
Bogliasco 1951: E. Prian, E. Percoco 1, F. Dainese, F. Mauceri, Giov. Congiu, G. Guidaldi 3, Gios. Congiu, E. Manzi 2, G. Boero, A. Bonomo 2, E. Puccio, P. Bini, A. Canepa 1. All. Magalotti.
Dmg Nuoto Catania: E. Caruso, M. Ferlito 1, G. Terminella, G. La Rosa 1, T. Scollo 1, R. Torrisi, G. Torrisi 1, A. Scebba 1, N. Kacar 1, A. Privitera 1, S. Catania 2, T. Baggi Necchi. All. Dato.
Arbitri: Navarra e Paoletti.
Note. Nessun giocatore uscito per limite di falli. Superiorità numeriche: Bogliasco 3 su 8 più 1 rigore realizzato, Catania 5 su 10 più 1 rigore realizzato.