Quantcast
Interrogazione

Ventennale g8, Lodi (Pd): “Dal Comune no a prescindere agli eventi al Ducale dal 18 luglio”

"Chi ha a cuore Genova deve prendersi cura delle sue ferite, cogliere questa opportunità per costruire un tavolo tra Comune ed associazioni, questura e prefettura"

 Cristina Lodi

Genova. Cristina Lodi, consigliera comunale Pd, ha presentato durante la seduta di oggi un articolo 54 che torna sulla questione del diniego da parte del Comune agli organizzatori degli eventi per il ventennale del G8. “Non ha alcuna giustificazione il rifiuto da parte dell’amministrazione di concedere dal 18 luglio prossimo la sede di Palazzo Ducale ad Amnesty International e alla rete di associazioni che stanno organizzando un calendario di eventi di confronto e dibattito in occasione del ventennale del G8 di Genova – dice – lo conferma la risposta arrivata dalla giunta questo pomeriggio alla mia interrogazione sulla questione”.

“Le parole dell’assessore Grosso mi hanno lasciata esterrefatta, perché chiama in causa il parere del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica, che in realtà non si è ancora espresso sulla questione”, aggiunge. La stessa risposta era arrivata nei giorni scorsi anche dal sindaco.

“È evidente quindi la volontà della giunta di negare questi spazi a prescindere. Ma il rifiuto del dibattito sicuramente non aiuta a creare un clima positivo attorno a questo anniversario che non deve essere solo ricordo, quanto piuttosto ripartenza di un percorso di confronto e proposta su temi importanti, come il divario tra Paesi ricchi e Paesi poveri, la crisi ambientale e climatica, la compressione dei diritti e la scommessa attuale del recovery plan. Temi che il G8 portava in sé al centro della discussione e sui quali ancor molto si ha da lavorare perché, come dice il titolo del calendario di eventi organizzato dalle associazioni, “Genova vent’anni dopo. un altro mondo è necessario”, aggiunge Lodi.

“Non sono d’accordo con il sindaco quando afferma di non voler riaprire una ferita – continua – Chi ha a cuore Genova deve prendersi cura delle sue ferite, cogliere questa opportunità per costruire un Tavolo tra Comune ed associazioni, Questura e Prefettura, che metta al centro quello che la città ha da offrire in termini di contributi e proposte. Non è ancora tardi e una volta che davvero il Comitato Provinciale si sarà pronunciato, sono certa che tutto possa procedere per vivere tre giorni in un clima di cui la città è degna, con il coinvolgimento anche di Palazzo Ducale, rendendo protagoniste tutte le realtà che da più di vent’anni, da sempre, hanno a cuore il bene comune”.

leggi anche
G8 Genova 2001 (foto credits Michele Ferraris per wikipedia)
Gli appuntamenti
Ventennale del G8, associazioni al lavoro dopo il no di Bucci al Ducale: “Avremo altri spazi, iniziative al via il 18 luglio”
G8: folla in piazza Alimonda per ricordare Carlo Giuliani
Precisazioni
Ventennale del G8, Bucci: “Ogni iniziativa dovrà ricevere il via libera dal comitato sicurezza”