Quantcast
Doppietta

Shomurodov brilla in Genoa-Atalanta: punto fermo per la prossima stagione o uomo-mercato? fotogallery

L'uzbeko ha un contratto fino al 2024, ma il suo valore aumenta e potrebbe essere ghiotta merce di scambio per far quadrare i conti nel Genoa

Genoa Vs Spezia

Genova. Il Genoa riparta da Shomurodov. Al di là della sconfitta per 3-4 contro un’Atalanta che con questi tre punti si assicura la terza qualificazione consecutiva alla Champions League, la partita ha sancito come l’uzbeko sia davvero un giocatore di grande qualità: ha il fisico, il tocco di classe, la serietà e se comincia anche a vedere meglio la porta come è accaduto oggi, può essere davvero uno dei punti fermi per il Genoa 2021-2022. Il suo contratto scade nel 2024 e il valore di mercato, secondo quanto riporta la “bibbia” Transfermarkt, è salito a 7 milioni. Il venticinquenne, non guasta, ha anche un seguito notevole: nel suo paese è praticamente un eroe. Il ritratto appena tracciato, però, ne fa un uomo di mercato appetibile anche per aiutare il bilancio rossoblù. I rossoblù, per la prossima stagione, dovranno fare i conti con ciò che deciderà Goran Pandev, altro elemento che quest’anno ha contribuito alla salvezza coi suoi gol e il suo carisma: l’idea del macedone era di ritirarsi dopo l’Europeo. È merito di questi due se la partita di oggi non si è trasformata in un’umiliazione.

I botti lanciati dai tifosi all’esterno dello stadio (un centinaio radunato sotto la Nord prima della partita) per festeggiare la salvezza non spingono il Genoa ad affrontare la partita con il giusto atteggiamento nei primi 45 minuti. Il Grifone sembra scarico dopo la vittoria a Bologna e la salvezza raggiunta matematicamente. Ballardini ha concesso un turno di riposo a diversi elementi (Badelj, Strootman, Zappacosta, Perin), ma la differenza sul campo l’ha fatta anche la motivazione degli ospiti, in piena corsa per la Champions, oltre che la qualità dei giocatori dell’Atalanta, superiore a quella degli undici rossoblù. Tuttavia c’è modo e modo di affrontare un match a mente scarica: Marchetti e Radovanovic non sono stati all’altezza della situazione, l’Atalanta ha passeggiato nell’area di rigore del Grifone soprattutto nel primo tempo.

Tifosi Genoa fuori dallo stadio prima di Genoa-Atalanta
I tifosi fuori dallo stadio

primi cinque minuti ingannevoliZapata al 9′ ha finalizzato una triangolazioneInversione di ruoli in occasione della seconda rete: l’ucraino appoggia facilmente lo 0-2 al 26La gita dell’Atalanta in quel di Genova si è momentaneamente trasformata in una scampagnata al 44′ con Gosens

L’atteggiamento del primo tempo non è piaciuto neanche a Ballardini, che ha cambiato tre elementi nella ripresa: fuori Destro, Cassata e Zajc per Pandev, Shomurodov e Caso (buona partita, la sua). Pjaca è stato spostato a sinistra. Poi dentro anche Portanova e Caso per Ghiglione e Zajc (57′), buona la prova di entrambi i subentrati. I cambi hanno sortito l’effetto sperato e la squadra ha dato segni di risveglio: Shomurodov è cresciuto ancora in questo finale di stagione e ha segnato una doppietta. Al 48′ ha rubato palla a Djimsiti e ha trafitto Gollini con un diagonale che colpisce il palo e si insacca, all’84’ ha siglato il 3-4 superando Gollini in uscita grazie a un intuizione di Pandev. Nel mezzo l’1-4 di Pasalic (51′) che con una finta ha disorientato la difesa rossoblù battendo Marchetti con un destro potente in diagonale, e il 2-4 di Pandev su rigore (67′) per tocco di mano di Gosens su cross di Onguene. Atalanta che ha tirato un sospiro di sollievo al 94′ quando Marinelli ha fischiato la fine.

E dopo il novantesimo si torna a pensare al mercato: in primis il nodo Strootman da sciogliere. Le notizie dalla Francia sono chiare: il Genoa sta lavorando al rinnovo del prestito del centrocampista olandese di proprietà del Marsiglia, che con Badelj ha formato una coppia insuperabile. Sarebbe un altro colpo importante in vista della prossima stagione. L’unico ostacolo sarebbe rappresentato dall’ingaggio esoso: 4,2 milioni all’anno che il Genoa paga solo in parte. Altra situazione da risolvere al più presto è quella del mister: Ballardini si è guadagnato ampiamente la riconferma e ora non ci sono più obiettivi da raggiungere per temporeggiare nel rinnovo.

Genoa-Atalanta 3-4

Reti: 9′ Zapata; 26′ Malinovski; 44′ Gosens; 48′ Shomurodov; 51′ Pasalic; 67′ Pandev (R); 84′ Shomurodov

Genoa: Marchetti, Onguene, Radovanovic, Masiello, Ghiglione (57 Portanova), Zajc (46′ Caso), Rovella, Melegoni (79′ Eyango), Cassata (46′ Shomurodov), Pjaca, Destro (46′ Pandev).

A disposizione: Perin, Paleari, Zapata, Goldaniga, Behrami, Strootman, Zappacosta.

Allenatore: Ballardini

Atalanta: Gollini, Toloi, Romero, Djimsiti, Hateboer, de Roon, Freuler (46′ Pessina), Gosens (76′ Palomino), Miranchuk (89′ Muriel), Malinovskyi (57′ Lammers), Zapata (46′ Pasalic).

A disposizione: Rossi, Sportiello, Maehle, Sutalo, Caldara, Ruggeri, Ilicic.

Allenatore: Gasperini

Arbitro: Marinelli di Tivoli

leggi anche
Genoa Vs Atalanta
Futuro
Ballardini e la riconferma: “Parlerò col presidente, la prima e l’ultima parola spettano a lui”