Quantcast
L'analisi

Ranieri e il rinnovo: “Stanno facendo i conti, Ferrero ha spiegato le difficoltà nella campagna acquisti” fotogallery

Le parole del mister blucerchiato dopo la vittoria contro la Roma

Genova. “La notizia del mio rinnovo non mi è arrivata. So che stanno facendo dei conti. Ferrero mi ha spiegato quali difficoltà ci saranno nella campagna acquisti. Vorrà dire che si entrerà nel vivo della discussione”. Claudio Ranieri ai microfoni di Sky parla e non parla anche del suo rinnovo nel post partita dopo la vittoria contro la Roma, una delle migliori partite giocate dalla sua squadra in questa stagione. Intanto sono già tre i punti in cascina in più rispetto all’anno scorso, con quattro partite da giocare.

“Sono soddisfatto – dice Ranieri, tornando a parlare della partita – perché i ragazzi stanno acquisendo la mia mentalità, sono sempre attenti, ci provano sempre, in questa stagione siamo andati in gol con 16 giocatori. La squadra ha dimostrato di essere attenta e sempre propensa al gol”.

La classifica sorride, un nono posto che Ranieri non si attendeva: “Non me l’aspettavo, di essere in quella posizione. Dietro di noi ci sono squadre forti. Non si capisce come possano stare là dietro Bologna, Torino, Cagliari, Fiorentina. L’anno prossimo sarà ancora più difficile”. La squadra è in striscia positiva: “Stanno bene, corrono, si impegnano, mi fa solo che piacere”.

Grande prova di Adrien Silva questa sera, Ranieri sottolinea: “Ancora i compagni non riescono a conoscerlo bene, abituati con Ekdal, Adrien è un giocatore stupendo sempre a disposizione. Ho un buon centrocampo”.

leggi anche
  • 45 punti
    La Sampdoria domina la Roma: motivazione, intensità, efficacia

Anche Verre ha convinto: “Io non posso rimproverare mai nulla a lui per volontà e senso di altruismo, ha qualità senso della posizione, sa mandare in gol i compagni, avrebbe bisogno di più continuità, ma abbiamo tanti buoni giocatori e devo fare di necessità virtù”.

Audero sta facendo un campionato strepitoso per Ranieri: “La Roma avrebbe potuto riaprire la partita, con quella parata ci ha tolto le castagne dal fuoco”.

Il portiere commenta così: “Oggi c’erano tanti assenti, e Dzeko non è tra i primi rigoristi. Ne guardiamo 4-5, studiando gli ultimi rigori calciati, confrontandoci su dove potrebbe andare la palla. È andata bene così: era un momento delicato, sono doppiamente contento. Noi ci siamo dati come obiettivo i 52 punti, anche se cerchiamo di affrontare una partita alla volta, con aggressività e cattiveria. Sappiamo che la scorsa è stata una stagione travagliata, fa piacere avere superato i punti dell’anno scorso”.

leggi anche
  • 45 punti
    La Sampdoria domina la Roma: motivazione, intensità, efficacia