Quantcast
Playoff

Pro Recco esagerata in semifinale scudetto: 19-4 alla Rari Nantes Savona

Biancocelesti concentrati e determinati, pronti ad affrontare la finale per lo scudetto

Carige Rari Nantes Savona Vs Pro Recco

Recco. Pro Recco e Rari Nantes Savona, tre giorni dopo la partita di andata, si affrontano per il match di ritorno della semifinale scudetto. Forte del successo per 14-6 ottenuto alla Zanelli, la squadra biancoceleste è chiamata ad una pura formalità. Per i biancorossi l’obiettivo è fare bella figura, oltre a tenere il ritmo partita in vista dell’importante finale per la terza posizione. La testa dei giocatori, inevitabilmente, è già rivolta alle rispettive finali.

La cronaca. Hernández presenta gli stessi tredici dell’andata; nella Rari c’è Bragantini al posto di Giovanetti e rientra Molina Rios.

Per assistere al primo gol bisogna attendere 2 minuti e 51 secondi: lo realizza Di Fulvio. 1 a 0. Alla prima segnatura avversaria, Angelini inserisce Da Rold al posto di Massaro.

A 4’35” va a segno Aicardi; 39 secondi dopo colpisce ancora Di Fulvio. Tre reti a uomini pari; Pro Recco avanti 3 a 0.

Dopo 6’03” è Echenique a realizzare in superiorità numerica. 4 a 0.

A 6’30” i biancorossi hanno a disposizione un tiro di rigore, ma Bijac para il tentativo di Fondelli.

Più concreti i padroni di casa che affondano ancora i colpi e a 7’04” vanno a bersaglio con Presciutti con l’uomo in più. 5 a 0, punteggio sul quale si chiude il primo tempo.

Il monologo recchelino prosegue ad inizio seconda frazione: 1’01” e Mandic sigla il 6-0.

La Pro Recco, col risultato già acquisito, rallenta un poco il ritmo e torna a segnare a 4’02” con un rigore trasformato da Di Fulvio: 7 a 0.

Il Savona si sblocca dopo 12 minuti e 20 secondi di gioco complessivi: secondo rigore, questa volta se ne incarica Rizzo che non sbaglia. 7 a 1.

La rete subita riaccende i locali che con Echenique a 4’39” e Mandic a 5’33” raggiungono il nuovo massimo vantaggio: più 8.

Passano 31 secondi ed è ancora Echenique ad andare a bersaglio: 10 a 1.

A 6’52” anche Figlioli scrive il proprio nome nel tabellino marcatori: 11-1. Tra i pali dei biancorossi c’è nuovamente Massaro.

Il terzo tempo si apre col dodicesimo gol dei biancocelesti, ad opera di Figlioli, dopo 24″.

A 1’05” Echenique ha l’opportunità di realizzare il poker personale, ma fallisce un tiro di rigore, parato da Massaro. Ci pensa Aicardi a fare 13, dopo 3’38”.

Negri prende il posto di Bijac. Superiorità numerica per la Rari e Fondelli, a 4’41”, segna il gol del 13-2.

A 5’11” Luongo, con l’uomo in più, insacca il pallone del 14 a 2.

Ancora un tiro dai cinque metri per la squadra ospite e Rizzo è di nuovo preciso: 14-3 a 6’28”.

Quarto tempo, si segna a ripetizione. Aicardi fa 15-3 a 46″, Iocchi Gratta realizza il 15-4 a 1’10”, Di Fulvio porta il risultato sul 16-4 a 2’15”.

Superiorità numerica per la Pro Recco e a 5’17” Presciutti firma il 17 a 4.  A 5’53” tiro di rigore realizzato da Figlioli: 18-4. A 30 secondi dalla sirena c’è ancora tempo per la rete di Aicardi che, insieme a Di Fulvio, è il top scorer della partita: 19-4 il risultato finale.

La finale scudetto, tra Pro Recco e AN Brescia, sarà articolata al meglio delle cinque partite: i primi due incontri (19 e 20 maggio) verranno giocati nella stessa sede, così come i secondi due (gara 3 il 25 maggio ed eventuale gara 4 il 26 maggio); la squadra meglio classificata in regular season tra le due finaliste ha facoltà di scegliere se disputare in casa le prime due gare o le seconde due; l’eventuale gara 5 (29 maggio) si disputerebbe in campo neutro.

La finale per il terzo posto, che assegna l’ultimo posto nei preliminari della Champions League 2021/22, si giocherà al meglio delle tre gare, in calendario mercoledì 19, mercoledì 26 e eventualmente sabato 29 maggio. Il primo e il terzo incontro si disputeranno in casa della squadra meglio piazzata in regular season o, in caso di identico piazzamento, in Coppa Italia. Mercoledì, quindi, alla Zanelli si giocherà Rari Nantes Savona contro Telimar Palermo.

Il tabellino:
Pro Recco – Carige Rari Nantes Savona 19-4
(Parziali: 5-0, 6-1, 3-2, 5-1)
Pro Recco: Bijac, F. Di Fulvio 4, Mandic 2, Figlioli 3, Younger, Velotto, N. Presciutti 2, Echenique 3, A. Ivovic, Figari, Aicardi 4, S. Luongo 1, Negri. All. Gabriel Hernández.
Carige Rari Nantes Savona: Massaro, An. Patchaliev, Bragantini, Vuskovic, Molina Rios, Rizzo 2, Caldieri, Bruni, Campopiano, Fondelli 1, Iocchi Gratta 1, Bertino, Da Rold. All. Alberto Angelini.
Arbitri: Bruno Navarra e Fabio Ricciotti (Roma). Delegato Fin: Emanuele Costa (Santa Margherita Ligure).
Note. Nessuno uscito per limite di falli. Superiorità numeriche: Pro Recco 4 su 6 più 3 rigori di cui 2 realizzati, Savona 1 su 1 più 3 rigori di cui 2 realizzati.

leggi anche
  • Verso la finale
    Pro Recco, Hernández: “Siamo stati concentrati dall’inizio, abbiamo giocato seriamente”
    Carige Rari Nantes Savona Vs Pro Recco