Quantcast
Ricordo

Morì di trombosi dopo il vaccino, l’Albergo dei Poveri le dedica l’edizione dei Rolli Days

Franscena Tuscano era una divulgatrice che in questi anni aveva promosso la storia e il patrimonio della grande struttura genovese

Genova. Un appuntamento che tanto aspettava a cui non potrà esserci nonostante il tanto lavoro fatto per arrivare a questo risultato: parliamo di Francesca Tuscano, la giovane insegnante morta di trombosi lo scorso aprile, e che nei sui ultimi anni aveva partecipato come divulgatrice alla grande rinascita dell’Albergo dei Poveri, la maestosa struttura che questo fine settimana sarà nuovamente aperta e visitabile in occasione dei Rolli Days, dopo tanti anni di cantieri.

Il decesso di Francesca fece scalpore perchè arrivò pochi giorni dopo aver ricevuto la sua dose di vaccino anti-covid AstraZeneca, con modalità che fecero discutere tutto il paese. Questa polemica però oggi non conta più: quello che importa è il ricordo che i suoi compagni del team di ricerca vogliono dedicare alla sua memoria: “Siamo ormai arrivati alla vigilia dell’edizione di maggio 2021 dei Rolli Days, un’occasione di rinascita per l’Albergo dei Poveri che riapre per la prima volta i suoi spazi dopo la lunga chiusura dovuta ai lavori di restauro – si legge in un accorato post sulla pagina facebook della struttura – Ma anche un momento per ricordare la nostra divulgatrice scientifica Francesca Tuscano, scomparsa lo scorso 4 aprile“.

“Francesca aveva partecipato fin dal principio a tutti gli eventi di questo genere che si erano svolti all’Albergo – sottolineano – Era un luogo per il quale aveva una grande passione e sapeva trasmetterla ai visitatori che guidava con garbo e competenza. In queste giornate in cui più che mai sentiamo il vuoto della sua assenza, il nostro pensiero va a lei. Abbiamo così pensato di dedicare a Francesca Tuscano questa edizione dei Rolli Days. Ciao Francesca, ci mancherai“.

Più informazioni
leggi anche
Rolli Days maggio 2021
Pienone
Rolli Days, oltre 20 mila visitatori in due giorni. E on line i video sfiorano il milione di visite