Anche il consigliere Gambino tra i 27 nuovi cavalieri e commendatori della Repubblica - Genova 24
Onorificenze

Anche il consigliere Gambino tra i 27 nuovi cavalieri e commendatori della Repubblica

Il 2 giugno in prefettura la cerimonia per il 75esimo anniversario della Repubblica. I riconoscimenti a molte figure nell'ambito di sanità, scuola e forze dell'ordine

giunta bucci

Genova. Il 2 giugno prossimo, alle ore 10.30 si terrà, a Palazzo Doria Spinola, sede della prefettura di Genova, la cerimonia istituzionale per celebrare il 75esimo anniversario della fondazione della Repubblica.

La cerimonia, che si svolgerà nel rispetto delle normative anti Covid, inizierà con l’alzabandiera e la lettura del messaggio del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella.

Il prefetto, alla presenza di autorità statali, regionali e locali, procederà alla consegna delle onorificenze al merito della Repubblica Italiana a ventisette cittadini che si sono distinti per l’impegno costante, i meriti lavorativi acquisiti e la dedizione verso iniziative sociali ed umanitarie.

Generico maggio 2021

Tra i premiati si segnalano esercenti professioni sanitarie, forze di polizia, del soccorso pubblico e del volontariato che hanno assicurato il loro prezioso impegno per far fronte alle criticità legate al contesto emergenziale epidemiologico.

Tra loro anche il consigliere delegato alla protezione civile del Comune di Genova Sergio Gambino, Paola Ciancosi e Simone Torretta, rispettivamente direttore sanitario e direttore dell’istituto Chiossone, Gianna Puppo Fornaro, presidente della Lega italiana fibrosi cistica, Francesca Gullaci de Marini, medico chirurgo.

Ma anche i docenti universitari Annamaria Del Grosso, Paola Massa e Stani Giammarino oltre all’insegnante di lettere e storia Paolo Bottero. E diversi esponenti delle forze dell’ordine tra cui il caporeparto esperto dei vigili del fuoco Mario Cardinale.

Saranno insigniti della medaglia d’onore otto cittadini: Marco Pietro Luigi Bisso, Luigi De Belli, Francesco Martino, Battista Piazze, Pericle Reami, Francesco Saglio, Carlo Scagliola e Francesco Antonio Surace furono internati in diversi campi nazisti durante la seconda guerra mondiale.

Più informazioni