Quantcast
Pallanuoto

Finale scudetto, la Pro Recco cede al Brescia in gara 1

I biancocelesti non brillano e perdono di misura. Già domani la seconda sfida

Carige Rari Nantes Savona Vs Pro Recco

Recco. Scattano le finali scudetto del campionato di Serie A1 maschile 2020/2021, edizione numero 102, e si comincia subito con l‘acuto del Brescia.

A Punta Sant’Anna, nel fortino dei campioni d’Italia, l’AN Brescia ribalta la Pro Recco e conquista gara 1. Il primo vantaggio della squadra guidata da Bovo è anche quello decisivo del successo per 9-8.

La partita tra le finaliste delle ultime nove edizioni consecutive dal 2012 ad oggi, è uno spot pubblicitario per la pallanuoto.

Pro Recco in vantaggio con Di Fulvio il cui tiro improvviso sorprende il portiere ospite per l’1-0 dopo 46 secondi di gioco. Bijac mura Alesiani alla prima superiorità, Del Lungo blocca gli attacchi biancocelesti ma non può nulla sul diagonale di Luongo che sfrutta il primo uomo in più a 70 secondi dalla sirena (2-0). Alla quarta superiorità anche il Brescia trova la via del gol con Vlachopoulos: è il 2-1 con cui si chiudono i primi otto minuti.

I ragazzi di Hernandez vanno sul 3-1 con l’avanzata vincente di Echenique che batte Del Lungo sul palo corto. Brescia che torna in scia con una doppia superiorità che Nikolaidis sfrutta girando dal centro a due minuti e quindici secondi dal cambio campo. Il pareggio arriva a 44 secondi dalla sirena con la beduina di Renzuto che vale il 3-3. L’equilibrio dura però lo spazio di un’azione perché il braccio mancino di Echenique non dà scampo al portiere bresciano per il 4-3 che chiude il quarto.

Avvio di terzo tempo scoppiettante con il tocco sottomisura di Alesiani, in superiorità, annullato dalla girata vincente di Aicardi per il 5-4. Bijac è mostruoso sul rigore di Renzuto, ma nulla può sul gol di Lazic che sfrutta il terzo fallo di Figari. La Pro Recco fatica in superiorità, ma trova due volte il vantaggio con Figlioli, da posizione quattro, e con il diagonale di Ivovic; vantaggi sempre cancellati da altri due rigori questa volta trasformati da Vlachopoulos che alla terza sirena inchioda il punteggio sul 7-7.

Penalty che dopo un minuto di gioco viene assegnato anche alla Pro Recco: lo conquista Ivovic e Figlioli non sbaglia (8-7). È una partita tiratissima, Dolce a metà tempo pareggia, poi Vlachopoulos cala il poker in superiorità per il primo vantaggio lombardo a tre minuti dalla. Bijac nega due volte il più 2 del Brescia. Dall’altra parte del campo Del Lungo stoppa la superiorità di Figlioli: non c’è più tempo, la Pro Recco cade alla prima in casa.

Sapevamo che la gara di Coppa Italia non era un test attendibile, la vittoria del Brescia di oggi è meritata: sono stati più cattivi di noi, quando abbiamo avuto l’occasione di staccarci non lo abbiamo fatto e loro sono sempre rimasti in partita – afferma il presidente Maurizio Felugo -. La tensione si è fatta sentire, ma domani abbiamo un’altra occasione per reagire”.

Domani, giovedì 20 maggio, alle ore 16,30 si torna in vasca per gara 2

Il tabellino:
Pro Recco – AN Brescia 8-9
(Parziali: 2-1, 2-2, 3-4, 1-2)
Pro Recco: Bijac, F. Di Fulvio 1, Mandic, Figlioli 2, Younger, Velotto, N. Presciutti, Echenique 2, A. Ivovic 1, Figari, Aicardi 1, S. Luongo 1, Negri. All. G. Hernandez.
AN Brescia: Del Lungo, Dolce 1, C. Presciutti, D. Lazic 1, Jokovic, Nikolaidis 1, Renzuto 1, Cannella, Alesiani 1, Vlachopoulos 4, E. Di Somma, N. Gitto, E. Rossi. All. Bovo.
Arbitri: Peris (Cro) e Colombo (Ita).
Note. Superiorità numeriche: Pro Recco 1 su 10, Brescia 5 su 9. Rigori: Pro Recco 1 su 1, Brescia 2 su 3. Usciti per tre falli: Figari nel terzo tempo, N. Gitto, Jokovic nel quarto.

leggi anche
Carige Rari Nantes Savona Vs Pro Recco
A brescia
Finale scudetto, gara 3: la Pro Recco si arrende ai rigori