Quantcast
Unipolsai cup

Coppa Italia: la finale sarà Pro Recco contro Brescia

Biancocelesti vittoriosi sul Telimar per 12 a 5

Niccolò Figari

Palermo. Finalmente si gioca e la piscina comunale olimpica del parco della Favorita di Palermo decreta il primo verdetto. La finale dell’UnipolSai Cup, edizione 2021 di Coppa Italia, sarà come negli ultimi 11 anni (esclusa l’edizione scorsa non disputata) Pro Recco-AN Brescia.

La Pro Recco detentrice dal 2013, quando riprese lo scettro proprio dai lombardi, passa battendo 12-5 il Telimar Palermo. I padroni di casa “resistono” alla forza d’urto dei campioni d’Italia fino al 4-3 di metà secondo tempo del croato Vlahovic. Poi la tripletta di Ivovic scava il solco con il più 6 di break biancoceleste che stordisce gli avversari. Migliaccio per la Telimar segna l’unica rete delle seconda metà gara, mentre il “Chalo” Echenique impone il personale tris che chiude il match e apre la caccia al quindicesimo titolo.

In acqua, dopo tanti dubbi, la seconda semifinale AN Brescia-CC Ortigia termina 17-8. Tripletta di Lazic con dieci giocatori di movimento a referto, tranne Nikolaidis, per i lombardi che dominano la scena dopo l’iniziale 1-1. Ottimo l’attacco che produce un 7/8 in superiorità numerica. Attacco che servirà ai biancoazzurri per tentare la scalata alla seconda coccarda della storia.

Mercoledì 5 maggio alle 19 andrà in scena la finale, mentre alle 16 si giocherà la “finalina” per il terzo posto.

Pro Recco – Telimar

Marziali dal centro apre le marcature, sgusciando su una palla in mezzo e fulminando Bijac (1-0). Un giro di lancette e la controfuga veloce premia la ditta Echenique/Figari con il 10 ligure che pareggia sottoporta (1-1). I campioni d’Italia vanno in forcing schiacciano i padroni di casa ma trovano un Nicosia in formato azzurro. Palermo sbaglia anche un extraplayer, ma sul penalty concesso per fallo di Ivovic su Vlahovic, il sei nero croato trasforma ancora il +1 alla destra del portiere. Mandic guida i campioni d’Italia, si mette in proprio e pareggia dal lato cattivo con la bomba mancina (2-2).

In avvio di secondo quarto la difesa ligure stoppa il secondo extraman, ma sulla terza chanche con l’uomo in più è ancora Marziali che timbra il nuovo vantaggio palermitano su assist di Vlahovic (3-2). In un amen è stavolta Figlioli che elude la marcatura di Galioto e incrocia il pareggio (3-3). Figari commette fallo grave sulla controfuga di Di Patti, e stavolta è Vlahovic che fa doppietta ottimamente servito da Damonte per il 4-3. La Pro Recco reagisce; nuota veloce in controfuga e pareggia con Younger su assist di Figlioli, e poi passa in vantaggio col Chalo Echenique che timbra primo vantaggio e prima superiorità numerica su tre tentativi (5-4). Del Basso commette secondo fallo grave e il tempo si chiude col + 2 dei biancocelesti che passano con Luongo in controfuga (6-4).

Vlahovic fallisce l’uno contro uno per accorciare le distanze dopo un minuto, e allora è Ivovic da sotto che capitalizza la sesta superiorità numerica per il 7-4 che a metà terzo tempo suona come una sentenza. E infatti su fallo grave di Lo Dico ancora Ivovic (doppietta) trasforma il penalty che doppia gli avversari (8-4). Il gigante montenegrino si mette in proprio e spara il +5, prima che Migliaccio gli faccia eco e riporti a galla i campagni sul 5-9.

A sei minuti dalla fine ancora una soluzione di Echenique dalla sua mattonella ridà fiato ai campioni d’Italia (10-5). Del Basso commette terzo fallo grave e Presciutti si iscrive a referto con il quarto gol in extraman a metà quarto (11-5). Poi tripletta di Echenique (12-5) sancisce la vittoria per i detentori del titolo che lasciano due chance in più alla Telimar senza che i palermitani ne approfittino.

Il tabellino:
Pro Recco – Telimar 12-5
(Parziali: 2-2, 4-2, 3-1, 3-0)
Pro Recco: Bijac, F. Di Fulvio 1, Mandic 1, Figlioli 1, Younger 1, Velotto, N. Presciutti 1, Echenique 3, A. Ivovic 3 (1 rig.), Figari 1, Aicardi, S. Luongo, Negri. All. G. Hernandez
Telimar: Nicosia, Del Basso, Galioto, Di Patti, Occhione, Vlahovic 2 (1 rig.), Fabiano, Marziali 2, Lo Cascio, Damonte, Lo Dico, Migliaccio 1, Washburn. All. M. Baldineti
Arbitri: Colombo e Ercoli
Note: sup. num. Pro Recco 4/11, Telimar 2/8. Rigori: Pro Recco 1/1, Telimar 1/1. Nel IV Negri sostituisce Bijac.

AN Brescia – CC Ortigia

Subito nel vivo. Dopo un minuto Renzuto rompe gli indugi per l’1-0 bresciano. In un amen Napolitano scalda i motori con una beduina volante pareggia il match (1-1). L’attacco lombardo però è vivo e i biancoazzurri piazzano il break pesante (5-0) che chiude il tempo e incanala il match: Lazic da lato corto (2-1), Vlachoupoulos in extraman (3-1), Cannella su rigore (fallo grave di Condemi su Dolce, 4-1), Dolce da fuori (5-1) e Di Somma che timbra il secondo extraplayer (6-1). La prima espulsione di capitan Presciutti permette l’azione con l’uomo in più che risveglia l’Ortigia in gol con Rocchi (2-6), prima della doppietta di Lazic che trasforma la terza superiorità su tre tentativi (7-2).

Trenta secondi e Alesiani piazza l’incrociato dell’8-2, prima della tripletta di Lazic in più e su assist di Jokovic (9-2). A tre minuti dal termine l’Ortigia si fa viva e accorcia con Condemi che trova gloria due volte e sempre in superiorità (4-9). L’olimpionico mancino croato Jokovic chiude il tempo col 10-4 (doppio extraman e 5/5).

Si riparte con capitan Presciutti che non sporca il 100% con l’uomo in più (11-4). Poi il trentacinquenne iridato Gitto fulmina l’ex compagno d’azzurro Tempesti per il 13-4, prima che Rossi da fuori trovi il 5-13. L’alzo e tiro di Ferrero chiude il terzo parziale (6-13). Nel quarto tempo a referto Di Somma e Alesiani in superiorità (7/8), mentre Di Luciano accorcia per il 7-15. Alla fine le doppiette di Vlachoupoulos e Renzuto e il timbro di Gallo chiudono il match.

Il tabellino:
AN Brescia – CC Ortigia 17-8
(Parziali: 7-2, 3-2, 3-2, 4-2)
AN Brescia: Del Lungo, Dolce 1, C. Presciutti 1, D. Lazic 3, Jokovic 2, Nikolaidis, Renzuto 2, Cannella 1 (rig.), Alesiani 2, Vlachopoulos 2, E. Di Somma 2, N. Gitto 1, E. Rossi. All. Bovo.
CC Ortigia: Tempesti, A. Condemi 1, Giribaldi, Rocchi 1, Di Luciano 1, Ferrero 1, F. Condemi 1, Gallo 1, Mirarchi, S. Rossi 1, S. Vidovic, Napolitano 1, Piccionetti. All. Volarevic-Abela.
Arbitri: Petronilli e Navarra.
Note: sup. num. Brescia 6/7, Ortigia 3/5. Rigori: Brescia 1/1.

Le ultime otto finali:
2019 Pro Recco-AN Brescia 10-3 a Bari
2018 Pro Recco-AN Brescia 7-5 a Bari
2017 AN Brescia-Pro Recco 11-12 dtr (6-6 regolamentari) a Brescia
2016 Pro Recco-AN Brescia 5-4 a Busto Arsizio
2015 Pro Recco-AN Brescia 8-5 a Sori
2014 Pro Recco-AN Brescia 11-6 a Brescia
2013 Pro Recco-RN Savona 13-9 a Savona
2012 AN Brescia-Pro Recco 5-4 a Napoli

leggi anche
  • Pallanuoto
    Coppa Italia: Pro Recco a Palermo, al via la final four
  • Unipolsai cup
    Il Brescia prova la rimonta, la Pro Recco resiste e conquista la Coppa Italia