Quantcast
Dopo mesi

Alluvioni, il Governo sblocca 110 milioni per il maltempo di ottobre 2020 in Liguria

Finora erano arrivati solo 8,2 milioni su 47 chiesti per coprire le somme urgenze

Generica

Genova. Il Consiglio dei ministri ha integrato con circa 200 milioni di euro, gli stanziamenti di fondi relativi ai danni causati dal maltempo di fine 2019 e 2020. Di questi, poco più di 35 milioni saranno distribuiti tra alcune regioni, tra cui la Liguria, per gli interventi a seguito delle calamità di ottobre e novembre 2019. Oltre 110 milioni saranno invece divisi tra i Comuni di Albenga, Casarza Ligure, Maissana, Varese Ligure, della provincia di Imperia e di altri del Piemonte per l’emergenza di ottobre 2020.

A darne notizia è la Lega ricordando che col governo Conte bis, a fronte di 47 milioni di euro per le sole somme urgenze, in Liguria erano arrivati solo 7 milioni: “Un altro cambio di passo con la Lega al Governo. Ringraziamo i nostri parlamentari liguri per l’impegno a favore del territorio”, dichiarano il capogruppo in Regione Stefano Mai, il suo vice Sandro Garibaldi e la consigliera Mabel Riolfo.

Nella notte del 2-3 ottobre, quasi sette mesi, un nubifragio aveva lasciato l’entroterra di Sestri Levante in balia del fango e della devastazione, mentre ancora più drammatica era la situazione in Ventimiglia e in Val Roja, colpite da una vera e propria alluvione. Lo scorso 22 ottobre il Consiglio dei ministri aveva deliberato lo stato d’emergenza solo per il Ponente, erogando solo 7 milioni per la provincia di Imperia.

Il comune più colpito è stato Casarza Ligure, lungo la valle del Petronio, dove la frazione di Bargone era rimasta isolata a causa di una grossa frana. Qui i danni, solo per gli interventi in somma urgenza, ammontano a 750mila euro. “Lo scorso mese sono arrivati 140mila euro dalla Regione come primo ristoro – spiegava a Genova24 il sindaco Giovanni Stagnaro – e per ora non abbiamo visto altri soldi. Per finanziare tutti i lavori necessari abbiamo dovuto contrarre un mutuo con Cassa Depositi e Prestiti, per fortuna abbastanza conveniente perché è pensato apposta per gli enti pubblici in questo tipo di eventi, in attesa che arrivino altre somme”.

“E’ un importante segnale di attenzione ai territori colpiti da emergenze di protezione civile”, commenta Claudio Muzio, capogruppo in Regione di Forza Italia-Liguria Popolare e consigliere comunale del gruppo Casarza è di tutti – Già nell’immediatezza degli eventi meteorologici dello scorso ottobre il Comune si era fatto parte attiva per richiedere la dichiarazione dello stato di emergenza e un adeguato stanziamento di risorse per far fronte ai pesanti danni subiti. Nella mia veste di consigliere regionale avevo messo in campo da sùbito le iniziative di mia competenza, a partire da un sopralluogo svoltosi il 5 ottobre con l’assessore regionale Giacomo Giampedrone, il sindaco Giovanni Stagnaro, il vicesindaco Maurizio Miglietta e l’assessore Lorenzo Ara nei luoghi maggiormente colpiti dal maltempo. Vedremo ora nel dettaglio le opere che potranno essere realizzate grazie alla delibera del Governo. Ringrazio la Giunta regionale che si è spesa in questi mesi affinché i Comuni danneggiati dagli eventi meteorologici dell’autunno scorso ricevessero fondi congrui per realizzare gli interventi strutturali finalizzati alla messa in sicurezza del territorio”, conclude Muzio.

 

leggi anche
Nubifragio sul Tigullio
Indignazione
Alluvioni, il Governo lascia la Liguria senza soldi. Giampedrone: “Imbarazzo totale”