Vaccino, la Liguria attende 100mila dosi. E alla Fiera si somministra anche Johnson & Johnson - Genova 24
Sprint

Vaccino, la Liguria attende 100mila dosi. E alla Fiera si somministra anche Johnson & Johnson

Toti: "Nessun problema a rispettare la pianificazione, obiettivo 77mila dosi alla settimana"

hub fiera del mare vaccinazione

Genova. La benzina nel motore dovrebbe arrivare tra domani e la prossima settimana. La consegna prevista di oltre 100mila dosi tra Pfizer e AstraZeneca rifornirà di carburante la macchina vaccinale della Liguria che al momento si trova “in riserva” con una scorta pari a circa 30mila dosi, il 6% di tutte quelle arrivate finora.

Ma la vera novità di questi giorni è che il vaccino Johnson & Johnson, che inizialmente doveva essere riservato alle somministrazioni a domicilio, è disponibile anche all’hub della Fiera di Genova dove viene inoculato ad alcuni pazienti prenotati per AstraZeneca.

In termini assoluti si tratta di un vantaggio: essendo un vaccino monodose si eviterà il richiamo e quindi, rispetto alle altre tipologie, si risparmia una dose per ogni paziente. E poi c’è l’aspetto psicologico: anche se il vaccino Janssen è arrivato con le stesse raccomandazioni e controindicazioni di AstraZeneca (priorità agli over 60 e rarissimi casi di trombosi nei più giovani), non ha goduto della stessa cattiva pubblicità e quindi incute meno timore.

“Ce l’hanno mandato e quindi lo dobbiamo utilizzare”, commenta Toti in conferenza stampa. Ma la scelta è dettata anche da ragioni di prudenza. Le scorte di AstraZeneca vanno usate con cautela perché devono essere garantite le dosi per i richiami: in Liguria ci sono più di 100mila persone ad attenderle.

Da qui la decisione di sfruttare Johnson & Johnson non solo per le somministrazioni a domicilio (dove in realtà la maggior parte dei pazienti è in categoria ultrafragili o disabili gravi e perciò deve ricevere Pfizer o Moderna), ma anche nei punti vaccinali in valle Scrivia, Stura e Trebbia, dove sono maggiori le difficoltà di movimento, e appunto nel padiglione Jean Nouvel. Per ora, comunque, si tratta di numeri molto ridotti, 4.550 dosi consegnate solo alla Asl 3 genovese. La prossima settimana dovrebbero arrivarne altrettante, spalmate invece su tutta la Liguria.

leggi anche
vaccino covid coronavirus fiala
Approfondimento
Vaccino Johnson & Johnson: quali sono i vantaggi e le differenze rispetto ad AstraZeneca

Non abbiamo alcun problema a rispettare la pianificazione – ha assicurato Toti -. La nostra programmazione è coerente coi volumi disponibili. Non abbondiamo, ma neanche scarseggiamo. Prima c’erano troppe scorte, ora viaggiamo just in time. L’obiettivo è fare 77mila dosi alla settimana, la macchina vaccinale sta funzionando nel migliore dei modi”.

Oggi, grazie alla mediazione col commissario Figliuolo, erano arrivate in anticipo 3.510 dosi Pfizer e 3mila AstraZeneca per scongiurare eventuali intoppi. Ma le consegne più sostanziose sono previste nei prossimi giorni. Domani dovrebbero arrivare 54.990 dosi Pfizer e la prossima settimana 46.800 AstraZeneca. “Sono più di quanto ci aspettavamo”, ha commentato Toti. Tanto che “dal 3 maggio entreranno nel circuito, anche in ragione delle aumentate consegne, altre 50 farmacie per 4mila vaccini in più alla settimana”, ha concluso il governatore.

leggi anche
Generica
Programmi
Vaccino, la Liguria pronta a fare il pieno di dosi: a fine maggio si aggiungono 50 farmacie
hub fiera del mare vaccinazione
Mesi contati
Vaccino Covid, l’hub alla Fiera di Genova dovrà sloggiare entro fine luglio
Generica
Luci e ombre
La Liguria vaccina a ritmo record ma è rebus su under 60 e somministrazioni a domicilio