Problema

Vaccini, stallo per quelli a domicilio: “Mia madre, 90 anni e non deambulante non sa neppure se è in lista”

Rispetto ad altre categorie altrettanto a rischio, quella delle persone che non possono muoversi da casa a oggi è "coperta" solo in minima parte

Genova. La Liguria sta vaccinando circa 12mila persone al giorno, una cifra che si avvicina moltissimo all’obbiettivo stabilito per la nostra regione dalla struttura commissariale. Un risultato che è stato recentemente apprezzato anche dal generale Figliuolo e dal capo della protezione civile Curcio e che deriva dalla sinergia tra sanità pubblica e privata.

Tuttavia c’è una fetta di popolazione che a oggi vive nell’attesa, quando non nell’incertezza. Si tratta dei cittadini, spesso anziani, non deambulanti per cui la campagna di vaccinazione avrebbe dovuto partire insieme a quella degli over80, poi dal 26 marzo ma che, rispetto a quella per altre categorie sta procedendo a rilento.

In Liguria parliamo di circa 10 mila persone che vengono segnalate attraverso due canali, quello delle Asl se sono già seguite (magari per percorsi di riabilitazione o per il trattamento di piaghe da decubito) oppure quello da parte dei medici di medicina generale attraverso il portale Poliss.

Il dato relativo a due giorni fa parlava di 1614 liguri non deambulanti vaccinati, di cui 234 nel territorio dell’Asl 3 genovese, 600 in quello dell’Asl 4, oltre 400 nell’Asl 1, 100 nell’Asl 2 e 280 nell’Asl 5.

Tutti gli altri, non prenotabili autonomamente attraverso il sito di Alisa o i Cup, dovrebbero in realtà attendere una telefonata da parte dell’Asl di riferimento, sia per la comunicazione della data di vaccinazione sia per la presa in carico di eventuali caregiver. Ma sono moltissime le persone ancora in attesa di questa telefonata.

Tra loro c’è Isabella Luchesini, genovese, figlia di una donna di 90 anni, non deambulante e con gravi patologie. Proprio uno di quei profili che in teoria avrebbe dovuto essere vaccinato per primi. Invece, a oggi, Isabella non è neppure riuscita a capire se sua madre sia presente nelle liste della Asl, se sarà vaccinata da qualcuno a casa – non può alzarsi dal letto – e nonostante abbia chiesto delucidazioni a chiunque (Asl3, distretto, Alisa, Liguria Digitale, financo il sottosegretario Costa) non è ancora arrivata a capo della questione.

“La mia vicenda inizia il 16 febbraio quando chiamando il Cup vengo a sapere che mia madre 90enne, invalida al 100%, allettata e affetta da gravi patologie, per la vaccinazione anti Covid si sarebbe dovuta recare in ambulatorio, allora inizio con le mille telefonate e mail al medico di medicina generale, al distretto sanitario 8, ai vari urp e mi viene detto che era ancora in allestimento piattaforma che avrebbe consentito ai medici di base di fare segnalazione”, racconta la cittadina, residente nel voltrese.

“Il 9 marzo il medico di base mi dice di avere fatto la segnalazione ma nessuno mi chiama per l’appuntamento fino a quando il distretto 8 della Asl da me chiamato mi dice che le vaccinazioni a domicilio sarebbero partite il 26 marzo. Tuttavia non mi dicono se mia madre sia effettivamente inserita nelle liste, non lo sanno, perché?”

La signora Isabella Luchesini continua per giorni a chiedere delucidazioni, al medico, al distretto, alla Asl e prova anche a telefonare al Cup. La prenotazione della madre risulta “libera”, possibile, cosa che indica che allora la donna non è in lista come non deambulante. Ma il medico di medicina generale assicura di averla iscritta.

“Io non chiedo un vaccino, una data, un appuntamento anche se a questo punto mia madre avrebbe già dovuto essere vaccinata da un pezzo – dice la cittadina – vorrei solo sapere se mia madre è stata inserita nella lista ma nessuno vuole o sa darmi una risposta, sono disperata, mi sembra che mia madre sia stata dimenticata, cosa devo fare?”.

leggi anche
  • Bollettino
    Coronavirus, 710 nuovi casi in Liguria in un solo giorno: mai una cifra così alta da inizio pandemia
  • In riserva
    Vaccino, in Liguria dosi a rischio dopo metà aprile ma Toti assicura: “Non ci fermeremo”
  • A caccia
    Covid, aperta inchiesta sui “furbetti” del vaccino: i carabinieri indagano in tutta la Liguria
  • Costruttive
    Vaccino Covid, le 3 proposte dell’opposizione a Toti: “Il sistema non sta funzionando”
  • Attesa
    Vaccini a domicilio, Toti: “Potenziamo le squadre” ma per il decollo si attende il Johnson & Johnson