Quantcast
Riaperture

Ristoranti e coprifuoco, oggi l’incontro tra regioni e governo. Toti: “Prudenza ma senza penalizzare nessuno”

Posticipo del coprifuoco e possibilità di mangiare anche al chiuso: queste le proposte sul tavolo

Genova. Modifiche e aggiustamenti delle attuali normative di sicurezza in tema di ristoranti e bar: questo sarà l’argomento chiave al centro della riunione prevista per oggi in Conferenza regioni con i ministri della salute e degli affari regionali: “Siamo tutti d’accordo sull’esigenza di mantenere prudenza – ha sottolineato il presidente di Regione Liguria Giovanni Toti – ma questa necessità non può penalizzare i locali che si apprestano con fatica ad applicare le linee guida e a riaprire”.

I rappresentanti del governo sono già stati raggiunti dalle tante perplessità riguardo alle modalità di riapertura previste per il 26 aprile: “Gli abbiamo comunicato alcuni aggiustamenti di sostanza che riteniamo importanti rispetto alle misure annunciate – sottolinea Toti – la possibilità di mangiare al chiuso con accorgimenti sicurezza, che già era contemplata nel regolamento della precedente zona gialla, e non c’è motivo di escluderla ora che le vaccinazioni hanno diminuito il rischio; il prolungamento coprifuoco oltre le 22 perché l’orario attuale non è coerente con le abitudini alimentari italiane”.

“Abbiamo spedito insieme ad Anci Liguria una lettera a tutti i sindaci ricordando di dare il massimo supporto a tutte le attività commerciali che vorrano svolgere il loro servizio all’aperto – ha concluso – importante garantire procedure semplificate per rendere meno macchinoso, almeno in questa fase, l’utilizzo del suolo pubblico”

Più informazioni
leggi anche
  • Commento
    Covid, sottosegretario Costa: “Spero prevalga il buonsenso per il coprifuoco alle 23”