Movimenti

Rimpasto a sorpresa in giunta Bucci: Nicolò vicesindaco, a Piciocchi la delega al Recovery fund

Il medico entrato in squadra a ottobre in quota Fdi andrà a ricoprire l'importante ruolo istituzionale. Al "super assessore" la 24esima delega

Genova. Suona come un colpo di scena il mini-rimpasto nella giunta comunale genovese: l’attuale assessore alla Salute e ai servizi civici Massimo Nicolò, il primario di oculistica del San Martino entrato nella squadra di Bucci lo scorso ottobre in quota Fratelli d’Italia, assume la carica di vicesindaco.

Prende il posto di Pietro Piciocchi (eletto nella lista civica Vince Genova), assessore al Bilancio, ai Lavori pubblici e a molte altre materie – ben 24 – e che però si trova con una nuova delega, quella al Recovery Fund.

L’avvicendamento è stato stabilito con un provvedimento del sindaco in vigore da oggi. La nomina di un assessore al Recovery fund, si legge, avrà “funzione di analisi, raccordo e promozione presso le autorità competenti, delle iniziative e progetti d’interesse per la civica amministrazione, al fine di cogliere opportunità di finanziamento di fonte nazionale ed europea”.

Un impegno importante che forse non sarebbe stato compatibile con gli altri già sulle spalle del “super assessore” ma non è un segreto che da tempo, sin dall’addio di Stefano Balleari a Tursi per l’elezione in consiglio regionale, Fratelli D’Italia premesse per ottenere nuovamente quel ruolo.

“Stiamo entrando in un periodo molto importante per costruire le strategie del futuro del nostro Paese attraverso il Recovery Plan. La nostra città dovrà essere protagonista e per questo ritengo ci sia bisogno di una interlocuzione diretta tra il Governo e il Comune di Genova – dichiara il sindaco Marco Bucci – Un compito per il quale ho chiesto l’aiuto di Pietro Piciocchi. Vista l’importanza e la delicatezza della delega assegnata, di comune accordo con Pietro, abbiamo deciso di sgravarlo dalle deleghe di vicesindaco che passeranno all’assessore Massimo Nicolò, per altro soddisfacendo una richiesta specifica da una delle importanti componenti della nostra maggioranza.
Ringrazio Pietro per la disponibilità ed il lavoro svolto nel ruolo di vicesindaco e a lui, come a Massimo, faccio i miei migliori auguri di un buon lavoro per le nuove sfide con le quali si misureranno a servizio della città”.

leggi anche
  • Pungolo
    Piciocchi non è più vicesindaco, Terrile (Pd): “Vale più l’impegno o la tessera di partito?”