Quantcast
Flash mob

Riaperture, consiglieri regionali della Lega con i cartelli in aula: “No al coprifuoco”

"Imporre restrizioni, mantenendolo alle 22, è illogico e non supportato da evidenze scientifiche". In via Fieschi l'eco delle strategie salviniane al governo

Generico aprile 2021

Genova. “No al coprifuoco. Imporre restrizioni, mantenendolo alle 22, non consentendo neanche di prolungarne l’inizio almeno alle 23 e vietando la riapertura dei locali al chiuso in piena sicurezza nelle aree di criticità gialla, è illogico e non supportato da evidenze scientifiche”. Questo il contenuto della protesta andata in scena durante la seduta di oggi del consiglio regionale ligure.

I consiglieri della Lega hanno mostrato alcuni cartelli con scritto l’hashtag #NoCoprifuoco. “Non si possono più subire le imposizioni del ministro della Salute Roberto Speranza, autore di un penoso e dannoso dispetto agli italiani e ai liguri, che hanno diritto alla normalità nei territori in cui i dati sull’emergenza coronavirus lo consentono rispettando tutte le norme sanitarie del caso”, dicono dal Carroccio.

“In tal senso, stamane abbiamo votato a favore dell’ordine del giorno sulla possibilità di riaprire anche palestre e impianti sportivi nelle aree gialle e quindi in Liguria”, concludono.

leggi anche
Generica
Numeri alla mano
Coprifuoco: sarà rivisto a metà maggio, c’è l’accordo in maggioranza