Pappagallini in città, il Comune ora lancia un censimento ma a "contare" i volatili saranno i cittadini - Genova 24
Tantissimi

Pappagallini in città, il Comune ora lancia un censimento ma a “contare” i volatili saranno i cittadini

L'assessorato all'Ambiente coinvolgerà i genovesi in un progetto di "citizen scienze", i dati una volta validati dagli esperti, confluiranno nell'osservatorio della Biodiversità ligure

Generico aprile 2021

Genova. Sono sempre più numerosi e, introdotti involontariamente dalla fine degli anni Settanta nei quartieri di Castelletto e di Albaro, hanno “colonizzato” progressivamente moltissime aree verdi della città.

Si tratta di parrocchetti e pappagallini – in prevalenza Parrocchetti dal collare (Psittacula krameri), ma anche Amazona aestiva e Myiopsitta monachus – che saranno oggetto di un censimento ad hoc promosso dall’assessorato all’Ambiente e Animali del Comune di Genova con la collaborazione del Museo di Storia Naturale “G. Doria”, del Dipartimento di Scienze della Terra dell’Ambiente e della Vita dell’Università di Genova (DISTAV) e dell’Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente Ligure (ARPAL).

Un programma che si avvarrà anche dell’aiuto dei cittadini grazie a un progetto di citizen science: chi avvista pappagalli nel territorio del Comune di Genova può inviare la segnalazione a un indirizzo di posta elettronica creata appositamente (pappagalli@comune.genova.it).

I dati richiesti sono innanzitutto il luogo, la data e l’ora dell’avvistamento; molto importante sarebbe l’invio di una foto che consenta una sicura identificazione della specie. Tra le note, anche il numero di esemplari osservati e il tipo di attività che stavano svolgendo, oltre alla direzione del volo.

I dati raccolti, una volta validati dagli esperti, confluiranno nell’Osservatorio della Biodiversità Ligure – Li.Bi.Oss., una banca dati regionale gestita dall’ARPAL, accessibile liberamente da qualsiasi utente.

Il cittadino che partecipa al progetto può anche lasciare il proprio nome e un indirizzo di posta elettronica dove ricevere aggiornamenti sull’iniziativa.

“Il Comune di Genova – sottolinea l’assessore all’Ambiente Matteo Campora – ha promosso questa importante ricerca scientifica per acquisire un’adeguata conoscenza della biodiversità nel proprio territorio attraverso la collaborazione con il Museo di Storia Naturale, Arpal e l’Università di Genova (DISTAV). Un progetto che per la sua riuscita avrà bisogno del contributo di tutti i cittadini genovesi”.

Il Parrocchetto dal collare (Psittacula krameri) è una specie molto adattabile, originaria dell’Africa centrale e dell’Asia meridionale. A seguito di importazioni e conseguenti liberazioni accidentali o volontarie, attualmente si trovano singoli esemplari o popolazioni di questa specie praticamente in ogni parte del mondo.

Come detto, è stato introdotto involontariamente a Genova nella seconda metà degli anni Settanta e con il passare degli anni si è notata una considerevole espansione in tutti i quartieri della città, da Voltri a Nervi, con le maggiori concentrazioni sulla costa e nelle aree verdi, anche se sono sempre più frequenti avvistamenti all’interno e a quote maggiori.

Oltre al Parrocchetto dal collare, a Genova si possono osservare anche altre specie di Pappagalli come le Amazzoni (in particolare Amazona aestiva) e ormai raramente il Parrocchetto monaco (Myiopsitta monachus), anch’essi fuggiti dalla cattività.

Più informazioni
leggi anche
Generico aprile 2021
Animali
Sequestrati a Genova 43 rare testuggini e 96 pappagalli importati illegalmente dalla Tunisia