Restrizioni

Numero chiuso a Boccadasse e sulle passeggiate: la mossa anti assembramento del Comune

Potrebbero entrare in vigore nei prossimi fine settimana: "A Pasqua controlli rafforzati della polizia locale"

Genova. Il Comune di Genova sta valutando di introdurre l’accesso a numero chiuso in quelle zone della città particolarmente di richiamo per le persone e quindi a forte rischio assembramento. Nel mirino ovviamente Boccadasse e la passeggiata di Nervi, dove già la scorsa estate erano stati presi provvedimenti del genere, ma non solo.

La notizia arriva direttamente dal sindaco Marco Bucci che, durante il consueto punto stampa di aggiornamento sull’andamento della pandemia da Covid in corso, ha dichiarato che la civica amministrazione è al lavoro per introdurre queste restrizioni localizzate: “Saranno operativi nel fine settimana dopo Pasqua e probabilmente per i successivi – il prossimo, quello pasquali, Genova sarà in zona rossa come il resto del paese – e riguarderanno situazioni importanti che nelle scorse settimane sono state segnalate come sedi di assembramento – specifica il primo cittadino genovese – stiamo studiando come fare con la Protezione Civile“.

Per quanto riguarda i prossimi giorni i controlli di polizia locale e protezione civile saranno rafforzati su tutto il territorio comunale: “Monitoreranno la situazione e daranno ‘consigli adeguati’ a chi non rispetta le norme anti-covid”, ma al momento non sono previsti provvedimenti che regolino l’accesso a determinate zone con dei limiti al numero di persone: con ogni probabilità saranno attivati dei presidi in loco.

leggi anche
  • Autogol
    Boccadasse, giovani urlano insulti mentre passa la pattuglia dei carabinieri: denunciati
  • Assembramenti
    Boccadasse, il Comune pensa a limitare gli accessi nel weekend di Pasqua
  • Da gustare
    Boccadasse palcoscenico per Maurizio Lastrico in uno spassoso omaggio a Dante
  • Troppa gente
    Segnalati assembramenti in corso Italia, Boccadasse e Nervi: interviene la polizia locale