Nervi, scritta indipendentista sulla torre Gropallo: "Stato ligure in un'Europa federale" - Genova 24
Graffito

Nervi, scritta indipendentista sulla torre Gropallo: “Stato ligure in un’Europa federale”

Il messaggio in inglese nel mezzo della passeggiata

Generico aprile 2021

Genova. Un messaggio indipendentista ligure è apparso negli scorsi giorni sulla torre Gropallo, nel bel mezzo della passeggiata di Nervi. Un “graffito” piuttosto diverso dal solito che ha attirato l’attenzione di molti. La foto è stata pubblicata da Leonardo Beeler sul gruppo Facebook Nervi a pezzi.

Don’t forget: in the past there is the key to the future, a ligurian state in a federation Europe”, recita la scritta in un inglese per la verità un po’ stentato. Ovvero: “Non dimenticate: nel passato c’è la chiave per il futuro, uno Stato ligure in un’Europa federale“.

A corredo della scritta, una Liguria stilizzata con i nomi delle quattro province in genovese e l’aggiunta di Novi, terra d’Oltregiogo, oggi inclusa nei confini del Piemonte ma un tempo parte della Repubblica di Genova. La bandiera è quella con la croce di San Giorgio, vessillo che identificava l’intero Stato genovese.

Generico aprile 2021

Nessuna firma e nessuna rivendicazione, almeno per ora. Altri messaggi simili erano già apparsi in centro storico, quindi la matrice potrebbe essere la stessa. Negli anni scorsi esisteva davvero il Movimento Indipendentista Ligure, che si era presentato con una propria lista e un candidato civico alle comunali genovesi del 2012, ma poi se ne sono perse le tracce.

Generico aprile 2021

Chi rivendica l’indipendenza della Liguria si basa sulle vicende storiche del Congresso di Vienna del 1814. Le potenze europee, senza indire alcun plebiscito, decisero l’annessione della Repubblica di Genova, ricostituita dopo la fine dell’impero napoleonico, al Regno di Sardegna dei Savoia che sarebbe diventato il primo embrione dell’Italia unita.

Più informazioni
leggi anche
Lavori a Nervi, torrente e porticciolo
Protesta
Nervi, manifestazione contro il porto canale e il cemento: “Sfregio e devastazione”