Quantcast
Risposta

Lombarda domiciliata in Liguria, Asl4: “Verrà vaccinata dopo i liguri”

"Ho 74 anni e una serie di patologie. Se mi ammalassi di Coronavirus dovrei essere curata qua, 'rubando' un posto in ospedale a un ligure"

anziano

Liguria. “I non residenti saranno vaccinati solo a conclusione della vaccinazione di tutti i liguri”. E’ questa la risposta che si è sentita dare Armida, 74enne lombarda domiciliata in Liguria per motivi di salute da ottobre 2019 e ancora in attesa di ottenere la prenotazione per vaccinarsi contro il Covid.

“Non intendo fare nomi, perchè sono corretta, ma ci sono rimasta male – spiega la signora -. La dottoressa dell’Asl4 mi ha detto che la Regione Liguria segue il calendario delle vaccinazioni in base all’ordinanza 6 del generale Figliuolo che prevede la vaccinazione di tutti i liguri entro la fine di luglio. I ‘foresti’, come vengono chiamati gli altri in Liguria, sono quelli però che il nostro presidente Toti ha fatto venire qua l’estate scorsa aprendo la Liguria a tutti e sono quelli che prendono, ma portano alla regione la ricchezza che la Liguria ha”.

“Io vivo qua e amo la Liguria e sono più ligure che lombarda, e non mi ha fatto piacere sentire che verranno vaccinati prima i liguri dei non residenti, a prescindere dall’età – ci racconta Armida -. Ho 74 anni e una serie di patologie, se però io mi ammalassi di Coronavirus dovrei essere curata qua, non mi mandano in Lombardia e se mi prendo il Covid sono a rischio di rubare un posto in ospedale a un ligure. Io qua pago le tasse, vivo, compro, credo di avere anche il diritto di avere il vaccino visto che il generale Figliuolo ha fatto un’ordinanza disponendo che le regioni vaccinino anche noi. Non so più dove sbattere la testa, mi sento Don Chisciotte contro i mulini a vento”.

“Non mi arrendo, però è ovvio che ora devo provare a prenotare sul portale in Lombardia nel posto più vicino alla Liguria – continua la signora -. Non posso infatti domiciliare qui il mio medico perchè dopo perderei il mio medico di famiglia che conosce perfettamente le mie patologie. Non trovo corretto e mi fa star male, le parole che mi ha detto l’Asl mi hanno ferita come se la vita di un residente valesse meno di un non residente e che vaccinino prima un giovane che magari gira pure senza mascherina prima di un anziano seppur non residente”.

“La regola è stata corretta da Figliuolo e andrebbe applicata. Non accetto che una regione che apprezzo tantissimo, una regione da portare ad esempio in Italia e all’estero sulla vicenda della ricostruzione del Ponte Morandi, si vada poi a perdere sulla somministrazione dei vaccini“, conclude Armida.