Quantcast
Lo sciopero

Leonardo, su Automazione ci sarà richiesta di incontro al Mise

I sindacati: "Il prefetto si è impegnato a chiedere incontro dopo la mobilitazione dei lavoratori". Il caso sbarca in Parlamento

Genova. Si è conclusa con l’impegno dal parte della prefetta di Genova Carmen Perrotta di chiedere un incontro al ministro dello Sviluppo economico Giancarlo Giorgetti, la mobilitazione dei lavoratori di Leonardo preoccupati per il futuro della divisione Automazione, che in città occupa circa 400 persone, e per il rischio spezzettamento del sito genovese. I delegati, infatti, hanno incontrato i sindacati che hanno spiegato le preoccupazioni dei lavoratori.

“Grazie al coinvolgimento e alla partecipazione di tutti abbiamo iniziato a mettere qualche tassello – ha detto al termine dell’incontro Christian Venzano, segretario generale di Fim Cisl Liguria – e il Prefetto si è impegnato a portare sul tavolo del ministro le nostre preoccupazioni”.

“Questo è solo l’inizio di una partita lunga e difficile da portare avanti ma dobbiamo resistere per evitare che questa realtà industriale, a Genova da 50 anni, non sia il primo tassello di una serie di smobilitazioni da parte di Leonardo – ha sottolineato il segretario di Uilm Liguria, Antonio Apa – è necessario che il gruppo dirigente la smetta di fare finanza e ritorni all’economia reale. I lavoratori oggi con questa manifestazione mandano un messaggio preciso: saremo irremovibili sulla cessione dell’automazione per salvaguardare una società che ha prodotto capacità tecnologiche e professionalità eccellenti”.

“L’incontro con il governo sarà un momento fondamentale per giocarsi la partita – ha concluso Stefano Bonazzi di Fiom Cgil – venerdì avremo un incontro con il presidente della Regione, Giovanni Toti, per chiedere che si faccia carico nei confronti del governo del mantenimento dell’Automazione. Adesso attendiamo l’incontro con il governo ma se non troverà i lavoratori batteranno un altro colpo perché la partita è difficilissima ma la giochiamo fino al novantesimo minuto”. Al termine dell’incontro i lavoratori hanno dato vita a un corteo che è arrivato in piazza De Ferrari, dove si è sciolta la manifestazione.

“Oggi, dopo aver partecipato allo sciopero dei lavoratori Leonardo a Genova, ho presentato una interrogazione parlamentare al ministro dello Sviluppo economico, Giancarlo Giorgetti, per fare luce sulla situazione del ramo Business Automation. Trovo preoccupante e contraddittorio l’annuncio da parte dell’azienda di voler trovare nei prossimi mesi un partner industriale per la divisione automazione (ex Elsag), che occupa 400 lavoratori sui 1.700 dello stabilimento genovese e contempla al suo interno prodotti e soprattutto risorse chiave per l’ambito della logistica”, ha dichiarato il deputato ligure Luca Pastorino, segretario di presidenza alla Camera.

“L’interrogazione – aggiunge Pastorino – è sottoscritta anche dal deputato ligure Edoardo Rixi (Lega) ex vice ministro alle Infrastrutture e dal capogruppo LeU Federico Fornaro“. “È un percorso nato già lo scorso anno con una mia prima interrogazione in aula, ora l’idea è di fare lo stesso, riportare in aula questo tema così importante per Genova davanti al ministro Giorgetti”. Conclude Pastorino: “Che sia da stimolo e da supporto anche per le autorità cittadine e regionali, dobbiamo essere tutti uniti per difendere questa preziosa parte produttiva della città”.

Più informazioni
leggi anche
  • Confronto
    Leonardo, sindacati in Regione: chiesto un incontro al Mise “per fare chiarezza”