Quantcast
La campagna

“Legalizzarla porterebbe 345mila posti di lavoro”, il flash mob a Piccapietra di Cannabis for Future

"Fumarla è la cosa più stupida che si può fare: con la cannabis si possono fare tantissime cose dalla bioedilizia all biocosmesi, alla carta"

Genova. Una piantina di cannabis piantata simbolicamente in una delle aiuole di piazza Piccpietra, a Genova, assieme a cartelli e volantino per ricordare che oggi la cannabis è un business da oltre 10 miliardi di euro l’anno, un terzo della manovra finanziaria, un business che oggi è in mano alle mafie ma che, se legalizzato, potrebbe creare 345 mila nuovi posti di lavoro.

È questo il segnale che Cannabisforfuture, associazione che lotta per la legalizzazione della Cannabis, ha voluto portare in piazza con una manifestazione che ha visto la partecipazione di diversi militanti. “Cannabis non vuol dire sballo – spiega Nadia Principato – anzi fumarla è la cosa più stupida che si può fare. Con la cannabis si possono fare tantissime cose dalla bioedilizia all biocosmesi, alla carta”.

Una economia che potrebbe dare grandi frutti a tutto il paese: “Ci sono già molte aziende italiane che operano in questo settore e che stanno aspettando la liberalizzazione per poter aprire il mercato – spiega Nadia Principato – Oggi compriamo la canapa in Francia mentre cento anni fa noi eravamo il primo paese del mondo per qualità e il secondo per quantità”.

Più informazioni
leggi anche
Generico agosto 2021
Polemica
Ai Giardini Luzzati c’è una piantina di cannabis legale, la Lega: “È inaccettabile, va rimossa”