Green Logistics Valley, Magni (Cgil): "Il Comune si confronti sul futuro della Valpolcevera" - Genova 24
L'intervento

Green Logistics Valley, Magni (Cgil): “Il Comune si confronti sul futuro della Valpolcevera”

"La sfida non è solo quella di insediare attività e servizi rivolti ai cittadini, ma è quella di costruire un futuro diverso, un nuovo modello di sviluppo"

torrente sturla vegetazione e vipera

Genova. “Il progetto Green Logistics Valley che il Comune di Genova indica come progetto condiviso per quanto ci riguarda non ha questa caratteristica”. A parlare è il segretario della Camera del lavoro Igor Magni. “Il progetto condizionerà profondamente la vita sociale ed economica della Val Polcevera – dice Magni – e quindi deve essere discusso con il territorio, deve avere una regia certa che integra questo progetto in una programmazione complessiva della città, deve coinvolgere il sindacato rispetto a quale futuro si vuol dare non solo a quell’area, ma a tutta la città”.

“La sfida è ambiziosa e necessita della condivisione di tutti – aggiunge Magni – Occorre tenere insieme la transizione tecnologica, la ricerca, la formazione, la scuola e l’università in un territorio che soffre da troppo tempo la mancanza di queste condizioni”.

Il sindacato “è pronto ad affrontare questa discussione e deve essere coinvolto in un ragionamento complessivo che garantisca una crescita economica che porti con sé una crescita anche sociale senza incorrere in errori, ritardi e tentennamenti, come avvenuto per il parco tecnologico degli Erzelli” ricorda il segretario.

Dobbiamo ripartire dagli impegni condivisi con il Comune, avviando un tavolo che affronti il problema del lavoro – conclude – la sfida non è solo quella di insediare attività e servizi rivolti ai cittadini, ma è quella di costruire un futuro diverso, un nuovo modello di sviluppo. E allora serve la collaborazione di tutti, senza protagonismi e fughe in avanti”