Quantcast
Rifiuti

Genova non è tra le città con la Tari più costosa: ogni famiglia paga in media 371 euro

I dati dello studio del servizio territoriale della Uil: maglia nera a Trapani, la meno cara è Potenza

Genova. Il capoluogo ligure non è tra le città italiane con la Tari più cara. È quanto emerge dallo studio annuale del servizio territoriale della Uil che ha assegnato la maglia nera a Trapani dove ogni famiglia paga mediamente 494 euro all’anno.

A Genova il valore medio della Tari è pari a 371 euro, in fascia medio-alta, ma comunque meno di altre grandi città: la tassa sui rifiuti pesa per 461 euro all’anno a famiglia a Reggio Calabria, 458 euro a Cagliari, 450 euro a Messina, 442 euro a Napoli, 403 euro a Catania. Inferiori i costi a Bari (355 euro), Milano (336 euro), Torino (329 euro), Roma (322 euro), Venezia (304 euro), Palermo (282 euro), Firenze (249 euro), Bologna (228 euro).

Dal monitoraggio è emerso che in valori assoluti nel 2020 la Tari più costosa si registra proprio a Trapani, seguita da Crotone (476 euro) e Benevento (472 euro). Nella classifica seguono Agrigento (470 euro), Reggio Calabria (461 euro), Cagliari (458 euro), Salerno e Asti (455 euro) ,Messina (450 euro) e Napoli (442 euro).

La top ten delle città meno costose registra invece Potenza, 133 euro l’anno a famiglia, Novara (164 euro), Belluno (170 euro), Macerata (179 euro), Brescia (184 euro), Vercelli (183 euro), Ascoli Piceno (186 euro), Pordenone (188 euro), Vibo Valentia (190 euro), Fermo (191 euro).

Più informazioni
leggi anche
  • Tasse
    Tari, l’ira dei commercianti: “Nel 2020 meno rifiuti per colpa del Covid ma paghiamo di più”