Genova Calcio battuta di misura, Gianluca Cusato: "Non ci buttiamo giù, siamo pronti subito a ripartire" - Genova 24
Eccellenza

Genova Calcio battuta di misura, Gianluca Cusato: “Non ci buttiamo giù, siamo pronti subito a ripartire”

Il centrocampista: "Nel secondo tempo ci sono mancate un pizzico di fortuna e un po' di cattiveria"

Genova. Dopo un pareggio ed una vittoria, la Genova Calcio è incappata nella prima sconfitta in questo mini campionato di Eccellenza.

La formazione biancocrociata è stata battuta a domicilio dal Finale per 1 a 0. Ai padroni di casa non è bastato un ottimo secondo tempo, nel quale hanno costruito un buon numero di azioni da rete, senza però finalizzarle.

Lo conferma il centrocampista Gianluca Cusato: “Penso che abbiamo fatto un primo tempo un po’ sotto tono. Poi ci siamo parlati nello spogliatoio e ci siamo detti che dovevamo aumentare il ritmo. Penso che nel secondo tempo siamo entrati in campo subito con la testa giusta, abbiamo iniziato ad avere un po’ più il pallino del gioco e le occasioni sono state tante. Abbiamo creato tante occasioni, ci sono mancate un pizzico di fortuna e ovviamente un po’ di cattiveria in più per riuscire a buttare dentro quei palloni che sono rimasti molto vicini ad entrare in porta”.

Quattro squadre su sette approderanno ai playoff; la Genova Calcio è in corsa per centrare il traguardo. “Oggi era una partita sicuramente importante, era importante fare punti oggi perché poteva significare essere molto vicini alla qualificazione playoff – spiega Cusato -. Comunque sia noi non ci buttiamo giù, siamo pronti subito a ripartire, a lavorare sin da martedì, a metterci tutto. Adesso avremo un turno di riposo, poi siam già concentrati per andare a giocare contro il Campomorone. Non sarà facile ma ce la metteremo tutta e sono convinto che con l’allenamento riusciremo a trovare bene la quadra“.

leggi anche
Calcio
Terza giornata
Eccellenza, una rete sul finire del primo tempo condanna la Genova Calcio alla sconfitta
maisano
Parola al mister
Genova Calcio, Beppe Maisano: “Siamo troppo belli e poco concreti, ci vuole una cattiveria diversa”