"Fermi al palo", il comitato per il parco nazionale di Portofino chiede un cambio di passo - Genova 24
Denuncia

“Fermi al palo”, il comitato per il parco nazionale di Portofino chiede un cambio di passo

Il bilancio 2021 ad oggi non è ancora stato adottato, intanto nel vicino parco nazionale delle Cinque Terre stanno arrivando 5 milioni grazie a progetto Life

Parco Portofino

Camogli. Nonostante le rassicurazioni del Commissario Donadoni, sono passati alcuni mesi e il Parco Regionale di Portofino è ancora commissariato. A sottolinearlo è Alberto Girani, portavoce del comitato Tutti per il Parco a sostegno della creazione di un parco nazionlae.

“Il bilancio 2021 ad oggi non è ancora stato adottato e le attività dell’Ente sono ferme alla ricerca di Dante nei sentieri dell’entroterra e ad una gestione passiva, che ha visto, tra l’altro, l’abbandono delle partnership nazionali ed europee del Parco, che nel passato avevano fornito i fondi per la mitigazione del rischio idrogeologico, gli unici che oggi vengano spesi”.

“Nel vicino parco Nazionale delle Cinque Terre stanno arrivando 5 milioni attraverso un piano di finanziamento inserito nel “Progetto Life” (strumento finanziato dall’Unione Europea per l’ambiente e il clima), di cui l’Ente Parco è capofila con partner la Grecia e la Provincia di Barcellona in Spagna”.

“Tutto questo grazie al progetto “Stonewallsforlife” (“muretti per la vita”) avviato con un bando al quale hanno partecipato sia il Parco Nazionale delle Cinque Terre”, che ha stanziato ben 706mila euro per la costruzione dei “muri a secco” senza calcestruzzo, e la “Fondazione Manarola”, impegnata nel recupero dei famosi terrazzamenti sopra la frazione”.

“Regione Liguria e il Commissario Donadoni continuano a sostenere che non ci sono le condizioni, non solo per fare, ma addirittura per discutere del Parco Nazionale, preferendo la decadenza non solo di un Ente storico quale il Parco, ma di un territorio in grande sofferenza, per il quale gli Amministratori locali contrari al Parco Nazionale non riescono a proporre un futuro, né a sviluppare progetti in grado di intercettare fondi e occasioni di lavoro per i nostri Comuni”.

“Di fronte alla constatazione che con questa scelta si perde in media un milione di euro al mese (1.000.000!!), oltre a quelli legati a finanziamenti straordinari, chiediamo alla Regione e agli Amministratori locali di riavviare il dibattito sul Parco Nazionale di Portofino consentendo ai Cittadini di partecipare anche in questo modo alle scelte del loro futuro”, conclude Girani.