Quantcast
Prima giornata

Cellerino e Tripoli: i nuovi bomber del Ligorna piegano il Rapallo Rivaroleseevento

Dopo un primo tempo privo di emozioni, la squadra di mister Monteforte accelera nel finale di gara e conquista l'intera posta in palio

Genova. Il Ligorna, squadra che lo scorso anno militava in Serie D, aveva iniziato la stagione con ambizioni di fare ritorno nella quarta serie. Le ha fortemente ribadite prima di questa nuova ripartenza dell’Eccellenza, con un mercato in entrata ricco di grossi nomi. L’ultimo della serie è stato ufficializzato ieri: Stefano Raiola, centravanti classe 1987 proveniente dalla Goliardicapolis.

La squadra del presidente Alberto Saracco deve però subito fare i conti con un’altra formazione ben attrezzata e che ha a disposizione una rosa giocatori di valore per la categoria: il Rapallo Rivarolese.

La cronaca. Luca Monteforte manda in campo Atzori, Placido, Brusacà, Puddu, Casagrande, Botta, Casanova, Pittaluga, De Martini, Di Pietro, Chiarabini (cap.).

A disposizione ci sono Prisco, Anselmo, Bottino, Dotto, Ruffino, Salvini, Scarantino, Cellerino, Tripoli.

Cristiano Rossetti schiera il Rapallo Rivarolese con Basso, Lai, Grani, Sbarra (cap.), Carbone, Audel, Ranasinghe, Panepinto, Bertuccelli, Ymeri, Revello.

In panchina siedono D’Amora, Bilanzone, Bonanno, Marte, Chiappe, N. Rossetti, Perrone, Zunino, De Persiis.

Dirige l’incontro Francesco Tortora della sezione di Albenga, assistito da Michele Bernardini e Luca Trusendi (Genova).

Locali in completa tenuta bianca con banda blu sulla maglia; ospiti in maglia a strisce verticali bianconere, calzoncini e calzettoni neri. Si inizia in leggero ritardo, alle ore 16,07.

Si gioca a buon ritmo, le due squadre non si risparmiano e nelle prime battute si equivalgono. Partita molto fisica, rigide marcature a uomo e pochissimi spazi concessi dalle difese.

Al 10° cross dalla sinistra di Puddu, sul primo palo il portiere locale fa sua la sfera. Al 12° errore di Panepinto, palla tagliata in mezzo di Pittaluga, Basso blocca. Poco dopo conclusione da fuori di Di Pietro, facile la presa del portiere.

Si gioca prevalentemente a centrocampo. Tra i bianconeri si fa valere il 2003 Ranasinghe spavaldo contro i più esperti avversari. Bertuccelli deve lottare con Brusacà che non gli concede nulla.

In difesa si distingue Audel, sempre pronto ad allontanare i palloni messi in mezzo da un Ligorna che a centrocampo sembra prevalere e pertanto tiene maggiormente l’iniziativa.

Al 28° Chiarabini sulla destra va via agli avversari e scodella in area un pallone che Audel di testa allontana. Baricentro troppo basso per i bianconeri, che in questa fase stanno un poco subendo il gioco degli ospiti. Il Ligorna prova a fare la partita ma non riesce a rendersi pericoloso.

La prima mezz’ora è trascorsa con i due portieri praticamente inoperosi.

Al 35° Carbone ferma Chiarabini; palla in angolo con qualche lieve protesta degli ospiti che chiedono il rigore.

Il Ligorna beneficia di un paio di calci da fermo, ma il pallone messo in mezzo viene allontanato dalla retroguardia bianconera.

Al 45° viene ammonito Bertuccelli. Dopo un minuto di recupero si va al riposo sul risultato di 0 a 0.

Secondo tempo. Si riprende, senza sostituzioni, alle 17,08. Ci prova subito Bertuccelli, dalla distanza, da posizione centrale: sul fondo.

Al 2° Di Pietro mette palla in rete, ma è in posizione irregolare: annullato.

Al 7° entra Tripoli, al posto di De Martini.

La partita prosegue con lo stesso copione del primo tempo, letteralmente bloccata. Il Ligorna preme sempre con un po’ più di convinzione rispetto al Rapallo Rivarolese.

Al 9° rinvio errato di Basso, Audel non riesce a controllare, Tripoli fa suo il pallone, Basso esce alla disperata, l’attaccante sembra riuscire a saltarlo ma cade a terra. L’arbitro lo ammonisce per simulazione.

Al 22° Monteforte inserisce Anselmo al posto di Placido e Cellerino al posto di Di Pietro.

Al 25° punizione dai venticinque metri all’altezza del vertice sinistro dell’area per il Rapallo Rivarolese. Destro di Bertuccelli, palla indirizzata sul secondo palo, Atzori in tuffo respinge.

Al 28° il momento di Zunino, che sostituisce Panepinto. 

Entrambe le squadre appaiono un po’ più determinate, nel tentativo di colpire in questo ultimo quarto d’ora.

Al 33° Basso respinge, la palla giunge a Cellerino che calcia a botta sicura, un difensore bianconero riesce a respingere.

Al 36° angolo per il Ligorna. Tripoli scambia con Chiarabini e poi conclude, alto.

Al 37° Rossetti inserisce Perrone al posto di Revello. I biancoblù provano ancora a rendersi pericolosi e un paio di cross alti dalla destra creano qualche problema alla difesa ospite.

Al 40° ammonito Casanova per un fallo su Perrone.

Al 41° angolo dalla sinistra per il Ligorna guadagnato da Chiarabini. Lo calcia Tripoli, incornata di Cellerino, respinge corto Basso, lo stesso Cellerino riprende e da posizione defilata conclude: palo interno e gol. 1 a 0.

Entra De Persiis, esce Grani. Al 45° in campo Ruffino per Chiarabini.

Quattro minuti di recupero. Al 47° incursione sulla sinistra di Tripoli, sul secondo palo intervento di Basso su Ruffino che cade a terra: calcio di rigore. Lo calcia Tripoli: Basso intuisce e sfiora, ma la palla si infila alla sua sinistra. 2 a 0.

Finisce con il successo per 2-0 del Ligorna, che fa subito capire di poter ambire alla promozione in Serie D.

leggi anche
  • Cambi decisivi
    Ligorna propositivo, Luca Monteforte: “Vittoria meritata, i cambi sono stati il valore aggiunto”
  • La prima giornata
    Eccellenza: Sestrese, buon pari con la Fezzanese