Quantcast
2ª giornata

Genova Calcio, prova di forza sul campo del Varazze: 4 a 0

La formazione di mister Maisano si assicura il successo già nella prima frazione con un'autorete e le segnature di Lobascio e Nelli. Nel secondo tempo Lobascio arrotonda

Celle Ligure. Varazze e Genova Calcio incrociano i bulloni nel secondo turno del campionato di Eccellenza. I nerazzurri reduci dalla sconfitta (3-0) sul terreno del Finale Ligure, ospitano la Genova Calcio, frenata sul pareggio (1-1) dalla Cairese.

Entrambe le compagini hanno più di un motivo per provare a superarsi, ragion per cui la gara dell’Olmo-Ferro si preannuncia interessante e ricca di spunti.

Agli ordini del direttore di gara Paolo Isoardi della sezione di Cuneo, assistito da Gezim Rushanaj e Ivano Sciallero (Genova), i due mister Gianni Berogno e Beppe Maisano mandano in campo le seguenti formazioni:

Varazze: Faggiano, Giglio, Damonte, Andreoni, Sacco, Severi, Aiello, Buffo, Iardella, Angella, Bottino.

A disposizione: Cirillo, Bettella, Bisio, Valle, Caruso, Farci, Daudo, G. Cavallone, Piu.

Genova Calcio: Dondero, Calvi, Riggio, Verardo, Capotos, Cusato, Serinelli, Cappannelli, Lobascio, Nelli, Morando.

A disposizione: Brina, Testore, Volpe, Vallerga, Piccarreta, Pirozzi, F. Maisano, Meazzi, Chiriaco.

Nerazzurri schierati col 3-5-2: Faggiano tra i pali; in difesa da destra Andreoni, Sacco, Severi; a centrocampo Giglio, Aiello, Buffo, Bottino, Damonte; in attacco Iardella e Angella.

Ospiti in campo col 4-3-1-2 con Dondero in porta; difensori da destra Calvi, Verardo, Capotos, Riggio; centrocampisti Cusato, Cappannelli, Serinelli; Nelli è dietro alle due punte Lobascio e Morando.

Al 4° Genova Calcio in vantaggio: traversone lungo, Andreoni di testa colpisce con l’intenzione di servire Faggiano, che però nel frattempo era avanzato ed è stato scavalcato dal pallonetto. 0 a 1.

Al 6° la formazione di mister Maisano raddoppia: palla recuperata ai venti metri e transizione positiva trasformata in micidiale azione da gol. Sul cross e Lobascio in area è rapido ad insaccare di testa. 0 a 2.

Varazze frastornato dalla traumatica partenza; ancora un’occasione per i biancocrociati: la conclusione di Morando è deviata in angolo. Nulla di fatto sul corner.

La Genova Calcio dimostra un’Eccellente organizzazione di gioco; il tutto passa dalla sapiente regia di Cappannelli, registra di una squadra che si muove molto bene per tutta l’ampiezza del campo. Il Varazze, in difficoltà, è sempre costretto sulla difensiva.

Al 16° fendente da fuori area di Serinelli che lambisce il palo della porta difesa da Faggiano.

Al 17° si vedono finalmente i nerazzurri: insidioso tiro dai venticinque metri di Aiello, Dondero devia in calcio d’angolo. Lo batte Bottino, palla messa ancora in corner.

Al 19° padroni di casa vicini al gol: potente conclusione di Iardella dentro l’area, Dondero respinge con una certa difficoltà.

Al 27° il Varazze mette palla in rete, ma l’azione è viziata da un tocco di mano di Damonte: gol annullato. Da una decina di minuti, comunque, i locali sono cresciuti e giocano con più convinzione.

Alla mezz’ora punizione messa in area pericolosamente da Aiello, Andreoni è libero in area ma liscia la palla e l’opportunità sfuma.

Al 33° tris della Genova Calcio: uscita incerta di Faggiano, Nelli in scivolata lo anticipa e insacca. 0 a 3.

Si va al riposo con la Genova Calcio che conduce sul Varazze per 3 a 0. Risultato frutto di un evidente divario tecnico-tattico; indubbiamente, però, la partita è stata condizionata dall’inizio a spron battuto, nel quale, nei primissimi minuti, sono arrivate le prime due reti ospiti. Nelle fasi centrali del primo tempo i nerazzurri hanno reagito con un paio di conclusioni che hanno impensierito Dondero. Ma nel momento in cui i locali sono riusciti a giocare meglio, la terza rete ha spento le loro velleità di riaprire i conti.

Secondo tempo. Tra i genovesi tre sostituzioni: dentro Chiriaco, Meazzi e Piccarreta, al posto di Verardo, Morando, Serinelli.

Al 6° perfetto cross di Riggio, colpo di testa di Lobascio che, indisturbato, mette la palla alle spalle di Faggiano. 0 a 4.

Mister Berogno effettua tre cambi all’8°: escono Iardella, Buffo e Aiello, entrano Piu, Daudo e Caruso.

Al 12° entra Vallerga prende il posto di Lobascio. La Genova Calcio, nonostante i quattro cambi, non muta l’assetto tattico col 4-3-1-2: Piccarreta agisce alle spalle delle punte Nelli e Vallerga. Al 16° mister Maisano completa i cambi inserendo Testore per Cappannelli. Il neo entrato si sistema a centrocampo insieme a Meazzi e Cusato.

Al 19°, nel Varazze, escono Giglio e Damonte ed entrano Cavallone e Bisio.

La partita ormai non ha più nulla da dire; la Genova Calcio mantiene il controllo del gioco, mentre il Varazze prova a farsi vivo con qualche ripartenza, in particolare con Angella. Le due squadre affrontano questa fase finale senza troppo ardore agonistico.

Al 28° viene atterrato Piu in area, ma l’arbitro lascia correre.

Al 37° punizione dal limite per il Varazze. Se ne incarica Piu: respinta dalla barriera.

Al 38° buona ripartenza della Genova Calcio, vanificata da un passaggio errato di Nelli che avrebbe messo Vallerga a tu per tu col portiere.

Al 39° punizione battuta da Cavallone, Andreoni in scivolata anticipa tutti ma la palla termina alta.

Al 43° ci prova ancora Nelli ma la sua conclusione non impensierisce Faggiano.

Al 44° occasione per il Varazze: Dondero è battuto ma il tiro di Caruso esce a lato di poco.

Al 45° bella conclusione da fuori area di Vallerga, Dondero para in tuffo.

Finisce con la vittoria della Genova Calcio per 4 a 0. Successo meritato da parte degli uomini di Maisano, grazie ad un primo tempo superlativo, nel quale hanno chiuso la partita in poco più di mezz’ora. Nel secondo tempo i biancocrociati hanno gestito agevolmente il successo, arrotondando il risultato con Lobascio. Il Varazze è un poco uscito dal guscio nella ripresa ma non è riuscito a segnare il gol della bandiera.

Più informazioni
leggi anche
  • Il commento
    Genova Calcio, Marco Vacca: “Bravi tutti i ragazzi e avere una squadra così giovane è una soddisfazione”