Quantcast
Beccate

Dogane, intercettate 275 pompe di calore cinesi imballate come prodotte in Italia

Prima di commercializzare gli apparecchi di condizionamento, dovrà obbligatoriamente apporre sulle confezioni un’etichettatura riportante l’indicazione “Made in China”.

Genova. 275 unità di monocondensanti (pompe di calore), riportavano sugli imballaggi il solo indirizzo dell’azienda italiana unitamente alla scritta “An Italian Company”, senza alcun riferimento alla produzione del bene in territorio cinese.

La merce stivata in un container sbarcato nel porto di Genova-Pra’ veniva importata da una ditta lombarda ed è stata oggetto di un’attenta verifica da parte dei funzionari della sezione di Voltri dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli.

Configurandosi la “fallace indicazione di origine”, l’Agenzia delle Dogane ha notificato una sanzione dell’importo di 20 mila euro all’importatore il quale, prima di commercializzare gli apparecchi di condizionamento, dovrà obbligatoriamente apporre sulle confezioni un’etichettatura riportante l’indicazione “Made in China”.

Più informazioni