Quantcast
Aziende

Digitalizzazione dei porti, da Carige finanziamento a Circle per 500mila euro

L'azienda ha sviluppato progetti di digitalizzazione sviluppando piattaforme e sistemi di interconnessione dedicati a singoli terminal

Genova. La valorizzazione delle competenze e lo sviluppo degli investimenti in tecnologia, in settori strategici per il territorio come portualità e logistica, sono i driver fondamentali dell’operazione di finanziamento che Banca Carige ha concluso con Circle Spa. L’azienda hi-tech, sede a Milano e quartier generale operativo a Genova, è una realtà di primo piano nell’analisi dei processi e nello sviluppo di soluzioni per l’innovazione e la digitalizzazione dei settori portuale e della logistica intermodale, con programmi di crescita di respiro internazionale.

Nata nel 2012 da un’operazione di management buy out, Circle ha sviluppato importanti progetti di digitalizzazione sviluppando piattaforme e sistemi di interconnessione dedicati a singoli terminal, come PSA Genova Prà, Terminal San Giorgio di Genova e CILP-Multipurpose di Livorno, collaborando all’interno di numerosi progetti rivolti alle Authority e alle Comunità Portuali di Genova, di Trieste, di Spezia e di altre primarie realtà nel Mediterraneo, contribuendo al filone della digitalizzazione ferroviaria e intermodale, e fornendo soluzioni a freight forwarder e aziende del calibro di Ikea.

Dal 2018 Circle Spa è quotata sul mercato AIM Italia gestito da Borsa Italiana, ha partecipato a diversi programmi europei apportando il proprio contributo alla digitalizzazione dei corridoi logistici sia nelle direttrici nord-sud, verso Egitto e Marocco, che sull’asse trans-europeo. Per rispondere adeguatamente all’incremento della domanda di informatizzazione della logistica registratasi in seguito alla crisi pandemica, e che si prevede avrà un’ulteriore crescita grazie alle opportunità derivanti fondo Next Generation EU e dal Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR), Circle sta sviluppando la propria crescita ed evoluzione anche tramite la stipula di partnership estere strategiche. Tra queste rientra l’accordo di joint venture, che si concluderà formalmente entro il 31 maggio, ma già pienamente in essere dal punto di vista all’alleanza operativa, con Magellan, realtà portoghese attiva nel campo dell’advocacy presso le Istituzioni europee.

L’importo finanziato da Banca Carige è in prevalenza finalizzato alla prosecuzione del piano di investimenti e sviluppo della società hi-tech. I 500mila euro erogati, ed in parte supportati dalle garanzie pubbliche previste dal Decreto Liquidità, serviranno così a sostenere la crescita che Circle Spa ha registrato negli ultimi anni.

“Siamo molto soddisfatti di aver concluso un’operazione finanziaria che consolida la partnership tra Banca Carige e Circle Spa – commenta il Chief Commercial Officer di Banca Carige, Gianluca Guaitani – un’impresa che coniuga l’innovazione digitale e la vocazione alla logistica del nostro territorio con un’apertura prospettica molto ampia ai mercati esteri, leve imprescindibili per affrontare le sfide del futuro.”.

“L’accordo con Banca Carige è importante per Circle Group perché ci supporterà nei progetti di crescita della Strategic Road Map 2024 e, in particolare, nell’evoluzione dei prodotti proprietari e dei servizi EU, nell’espansione geografica nelle aree target del Mediterraneo, dell’Europa Centrale, Middle East e area Baltica, e nel percorso di systematic M&A per l’acquisizione di servizi complementari” ha dichiarato Luca Abatello, CEO di Circle Spa.

Più informazioni